GUIDA COMPLETA DI BOOKING.COM

1. Come ottimizzare il profilo hotel su Booking.com

  • La corretta configurazione delle camere e delle occupazioni

Il primo passo per creare il profilo della propria struttura su Booking.com è la configurazione delle tipologie di camera.

Entrando nell’extranet del portale, troverai in alto una serie di opzioni disposte in orizzontale. Cliccando sulla voce StrutturaInformazioni sulle camere (fig. 1), accederai alla pagina.

fig. 1: sezione per accedere alle informazioni sulle camere

fig. 2: bottone per creare una nuova camera

Clicca il bottone Crea una nuova camera (+) (fig. 2) e inserisci le informazioni.

fig. 3: creazione tipologia di camera

Crea la tua tipologia di camera (fig. 3) come segue:

1-Tipologia di camera: seleziona la tipologia di camera dalla lista predefinita (esempio Matrimoniale); a questo punto comparirà la seconda voce Nome della camera

2 – Nome della camera: seleziona il nome della camera dalla lista predefinita (esempio Matrimoniale Deluxe). Facoltativamente puoi aggiungere il nome personalizzato (a destra), ma sarà visibile solo in extranet e non pubblicamente.

3- Numero di camere (per questa tipologia): inserisci il numero di camere totali disponibili per quella tipologia.

4- Piano: seleziona il piano in cui si trova la tipologia se tutte le camere si trovano sullo stesso piano o su tutti i piani. Alternativamente, alla voce seleziona il piano (o i piani) su ci si trova la camera (facoltativo), seleziona i piani esatti in cui si trova la tipologia, ad esempio solo a piano terra e al secondo piano.

5- Configurazione Standard: seleziona la tipologia di letto (tipo e dimensioni) dalla lista predefinita e il numero di letti (ad esempio letto singolo/larghezza: 90-130 cm e 2)

6- Aggiungi un altro letto: se è presente un’altra tipologia di letto clicca sul pulsante; si apriranno altre due voci (identiche alle precedenti), seleziona tipologia e numero letti.

7- Aggiungi una configurazione alternativa: se i letti della configurazione standard possono essere utilizzati con una configurazione alternativa, clicca sul bottone e seleziona tipologia e numero di letti. Ad esempio una camera doppia potrebbe avere un letto matrimoniale come configurazione standard e 2 letti singoli come configurazione alternativa.

8- Occupazione: seleziona il numero massimo di adulti, il numero massimo di bambini e l’occupazione massima (il numero massimo tra adulti e bambini). In base al tipo di camera puoi scegliere diverse combinazioni di adulti e bambini: se ad esempio si tratta di una Camera Doppia puoi selezionare occupazione massima 2 di cui 2 adulti e 0 bambini oppure 1 adulto e 1 bambino; se si tratta di una Camera Tripla puoi selezionare occupazione massima 3 di cui 3 adulti e 0 bambini oppure 2 adulti e 1 bambino o ancora 1 adulto e 2 bambini e infine se è una Camera Quadrupla puoi selezionare occupazione massima 4 di cui 4 adulti e 0 bambini oppure 3 adulti e 1 bambino o 2 adulti e 2 bambini e cosi via. In questo campo definisci l’occupazione principale

9- Continua: Clicca il bottone per salvare le informazioni

Hai creato la prima tipologia di camera; procedi allo stesso modo per creare tutte le tipologie che intendi pubblicare sul portale. Non creare troppe tipologie, piuttosto cerca di raggruppare in un’unica tipologia le camere con caratteristiche simili anche se hanno qualche piccola differenza strutturale. Utilizza i nomi delle categorie più note e facilmente identificabili: ad esempio camera Economy se la caratteristica principale è il prezzo conveniente, camera Standard che solitamente è la via di mezzo che l’utente medio è portato a scegliere, camera Superior se la caratteristica principale è il comfort o lo spazio o Junior Suite se la camera è composta da due stanze comunicanti e così via. Poni l’accento su caratteristiche importanti per la scelta della tipologia come ad esempio la vista mare. Se per esempio hai camere simili che hai definito Standard, ma alcune hanno la vista mare e altre no, distingui tra Camera Standard Vista Mare e Camera Standard (eventualmente associa una vista alternativa presente nell’elenco predefinito, ad esempio Vista Piscina). É consigliabile utilizzare gli stessi nomi delle tipologie anche su tutti gli altri canali in cui sei visibile, per dare un senso di coerenza e sicurezza al cliente.

  • Informazioni e servizi delle camere e dell’hotel

Una volta create tutte le tipologie di camera, procedi con l’inserimento delle informazioni per ciascuna tipologia. Torna al menu in alto e clicca StrutturaCaratteristiche delle camere (fig. 4)

fig. 4: sezione per accedere alle informazioni sulle caratteristiche delle camere

Le prime informazioni sono relative alla dimensione delle tipologie. Seleziona metri quadrati e inserisci i metri quadrati per ciascuna tipologia (fig. 5).

fig. 5: dimensione delle tipologie

Di seguito troverai un ricco elenco di servizi (fig. 6), per ciascuno dei quali puoi selezionare se sono presenti in tutte le camere, solo in alcune camere o non presenti. Per quei servizi presenti solo in alcune camere, seleziona le camere interessate. In alcuni casi è possibile aggiungere anche un’immagine da associare al servizio (vedi l’icona della macchina fotografica). In questo caso clicca sull’icona per inserire le foto.

fig. 6: elenco di servizi

Scorri l’elenco e compila le informazioni per tutti i servizi e ai piedi della pagina clicca il bottone blu Salva (fig. 7)

fig. 7: bottone per salvare le informazioni

Periodicamente, almeno ogni 6 mesi, controlla questa sezione. Di tanto in tanto vengono aggiunti dei servizi nuovi che potresti dover inserire o potresti nel tempo aver implementato dei servizi in struttura da dover aggiungere sul portale.

Procedi inserendo le informazioni sulla struttura; torna al menu in alto e clicca StrutturaServizi & dotazioni (fig. 8)

fig. 8: sezione per inserire le informazioni su servizi e dotazioni

Troverai un elenco di servizi, a partire da quelli più cercati dagli ospiti (fig. 9). Clicca Si o No per ciascun servizio e, ove possibile, aggiungi un’immagine (icona macchina fotografica). In alcuni casi potrai inserire informazioni aggiuntive, come in questo esempio l’aria condizionata: puoi specificare se è gratuita o a pagamento.

fig. 9: servizi più cercati dagli ospiti

Di seguito ai servizi più cercati dagli ospiti, compila tutte le voci:

  • Pasti: puoi specificare se offri colazione, pranzo e cena. Per ciascun pasto specifica il costo solo nel caso in cui non sia compreso nel prezzo del soggiorno. In caso contrario metti il flag sul tipo di pasto senza inserire il costo. In questo esempio ( 10) l’hotel offre solo soggiorni in BB dove la colazione è già inclusa nel prezzo.

fig. 10: informazioni sui pasti

  • Caratteristiche della colazione: indica il tipo di colazione, come viene servita e le pietanze proposte, cliccando sul bottone interessato; comparirà una spunta e si colorerà di verde ( 11)

fig. 11: caratteristiche della colazione

Infine seleziona il Giorno e l’orario (dalle – alle) della colazione e clicca il bottone Aggiungi (fig. 12)

fig. 12: giorno e ora della colazione

Continua a cliccare il bottone Aggiungi per tutti i giorni della settimana con l’orario corrispondente (fig. 13). Se in alcuni giorni della settimana gli orari sono diversi, modificali nel giorno interessato.

fig. 13: orari per tutti i giorni della settimana

  • Lingue parlate: seleziona le lingue parlate dallo staff; puoi aggiungerle cliccando il tasto Aggiungi un’altra lingua ( 14)

fig. 14: selezione lingue parlate dallo staff

  • Informazioni sull’edificio: inserisci le informazioni sull’edificio, ovvero il numero totale delle camere e il numero dei piani ( 15)

fig. 15: informazioni sull’edificio

A seguire troverai l’elenco di tutti i servizi distinti per area. Come per i servizi iniziali clicca Si o No per ciascuno di essi e ove possibile aggiungi un’immagine.

Una volta compilato tutto, ai piedi della pagina clicca il bottone blu Salva (fig. 16)

fig. 16: bottone per salvare le informazioni

  • Informazioni sulla zona. Come raggiungere l’hotel e cosa c’è nei dintorni.

Le informazioni sulla zona forniscono indicazioni ulteriori per la scelta del soggiorno da parte dell’utente. Torna al menu in alto e clicca StrutturaCome arrivare a (nome tuo hotel) (fig. 17)

fig. 17: sezione informazioni come raggiungere l’hotel

Clicca il bottone (fig. 18)

fig. 18: bottone per inserire le indicazioni

Inserisci le informazioni: seleziona il Nome dell’Aeroporto più vicino e il Mezzo di trasporto per raggiungere l’hotel (esempio A: La mia struttura) o altre destinazioni (il sistema ne propone alcune), i minuti tra ogni partenza del mezzo, il Tempo di percorrenza e il Prezzo previsto del viaggio. Infine clicca il bottone in basso a sinistra Salva (fig. 19).

fig. 19: informazioni per raggiungere l’hotel

Torna al menu in alto e clicca StrutturaCosa c’è nei dintorni? (fig. 20).

fig. 20: sezione per inserire le informazioni sulla zona

Comparirà un elenco di voci (esempio Ristorante), per ciascuna delle quali puoi inserire Nome, Distanza dall’hotel e Unità di misura (metri, km…). Cliccando sul bottone Aggiungine un altro puoi aggiungere altri ristoranti della zona che vuoi consigliare all’ospite (fig. 21).

fig. 21: informazioni sui punti di interesse

In questa sezione, scorrendo la pagina, puoi inserire tutti i punti di interesse che riguardano la tua zona (lago, mare, negozi, impianti risalita ecc) e le distanze rispetto alla tua struttura. E’ importate inserire queste indicazioni per dare informazioni più accurate possibili al futuro ospite. Poi ai piedi della pagina clicca il bottone blu Salva (fig. 22).

fig. 22: bottone per salvare le informazioni

  • Immagini della struttura e per tipologia di camera

Ora procedi con l’inserimento delle foto della struttura e delle camere. Le foto sono molto importanti poiché creano un’idea immediata nella mente dell’utente e sono le prime informazioni che riceve; per questo motivo è importante utilizzarle in maniera corretta.

Innanzitutto seleziona foto che rappresentano in modo realistico la tua struttura e con alcuni accorgimenti per far sì che le immagini siano veramente d’impatto ed efficaci:

  • Tutte le foto devono essere ad alta risoluzione e avere dimensioni minime di 1280 X 900 pixel. Nel caso in cui la risoluzione non fosse ottimale, il sistema lo segnala con un piccolo triangolo giallo di avvertimento in basso a sinistra nella foto (visibile solo in extranet) ( 23). É preferibile caricare un numero minore di foto ad alta risoluzione, piuttosto che tante foto di cui alcune a bassa risoluzione.

fig. 23: immagine con segnalazione di risoluzione non ottimale

  • Tutte le foto devono essere taggate, ossia devono essere associate al servizio che rappresentano. Il tag aiuta la visibilità dell’hotel in fase di ricerca da parte dell’utente che utilizza dei filtri specifici.

Nel momento in cui inserisci la foto, vedrai una scritta rossa Aggiungi tag (fig. 24).

fig. 24: immagine con segnalazione tag

Clicca sulla scritta Aggiungi tag, si aprirà l’immagine con un elenco di tag da scegliere, il sistema ne propone alcuni (fig. 25). Clicca direttamente su un tag e si aggiungerà automaticamente. Puoi sceglierne anche più di uno per immagine.

fig. 25. sezione per selezionare i tag

Alternativamente, se nessun tag dell’elenco è indicato, clicca Trova altri tag. Si apriranno una serie di finestre nelle quali selezionare le voci interessate fino a cliccare l’ultima voce (in questo esempio altro “Pasti”) (fig. 26). Una volta cliccato, il tag si salverà automaticamente.

fig. 26: tasto per trovare altri tag non presenti tra quelli proposti

  • Come inserire le immagini della struttura

Per inserire le foto della struttura, torna al menu in alto e seleziona StrutturaFoto (fig. 27)

fig. 27: sezione per inserire foto della struttura

Clicca sul bottone Aggiungi foto (fig. 28) o il bottone + (fig. 29)

fig. 28

fig. 29

Le foto che inserirai in questa sezione saranno quelle che il cliente vedrà nella galleria fotografica in pagina pubblica. Considera che on line, da pc, l’utente potrà visualizzare fino a 46 foto. Inserisci le immagini in modo che il cliente possa fare una sorta di tour della struttura: carica qualche foto dell’esterno della struttura e della zona (se ad esempio ti trovi di fronte al mare, scegli una foto che evidenzi questa caratteristica), qualche foto degli spazi comuni: reception, hall, bar, ristorante, piscina, area giochi, eventualmente qualche dettaglio decorativo e qualche foto delle camere e dei bagni sempre molto apprezzate dai clienti; non dimenticare le foto della colazione (buffet, sala colazione ecc). Scegli le immagini più belle e rappresentative e non caricare la stessa immagine più di una volta. Tenendo cliccata l’immagine e muovendo il mouse, puoi spostare la foto a destra o a sinistra, verso il basso o verso l’alto. Ordinale in maniera coerente: ad esempio prima tutte le foto dell’esterno, poi tutte le foto degli spazi comuni, poi tutte le foto delle camere e cosi via…non mischiare le immagini in modo casuale. La prima foto in alto a sinistra sarà la foto principale del tuo profilo, ossia quella che comparirà nell’elenco hotel in pagina pubblica.

Recentemente è stata aggiunta la possibilità di inserire anche una foto a 360°. Subito sotto le foto della galleria, clicca il bottone Upload 360° photos per inserire la tua foto a 360° (fig. 30).

fig. 30: inserimento foto a 360

  • Come inserire le immagini delle camere

A seguire, subito dopo l’area Foto a 360°, troverai le tipologie di camera configurate. Per ciascuna tipologia carica le foto. Devono essere minimo 4 immagini delle camere di cui almeno una del bagno.

Clicca il tasto Aggiungi foto oppure il bottone + e caricale (fig. 31). Le immagini si salveranno automaticamente.

fig. 31: sezione caricamento foto camere e bagni

Se vuoi aggiungere tutte o solo alcune foto delle camere anche nella galleria fotografica, clicca sulla foto e spunta il tasto in alto a sinistra Aggiungi alla tua Galleria fotografica (fig. 32). Una volta spuntato si salverà automaticamente e ritroverai la foto anche nella galleria.

fig. 32: tasto per aggiungere le foto alla galleria fotografica

Dopo aver caricato le foto per tipologia, puoi metterle nell’ordine che preferisci tenendo cliccata la foto e trascinandola con il mouse a destra o a sinistra; la prima a sinistra sarà la foto principale di quella tipologia in pagina pubblica.

  • Punteggio pagina della struttura. Come raggiungere il 100%

Tutte le informazioni e immagini inserite sinora sono essenziali non solo per comunicare in modo chiaro e immediato con l’utente ma anche per migliorare la visibilità on line. Per aiutarti in questo, Booking.com assegna un punteggio in base alla correttezza con cui tutti questi contenuti vengono inseriti e si chiama Punteggio pagina della Struttura. Il punteggio pagina è espresso in percentuale; per ottimizzare la pagina occorre raggiungere il 100%.

Torna al menu e clicca StrutturaPunteggio pagina della struttura (fig. 33)

fig. 33: sezione per accedere al punteggio pagina della struttura

Si aprirà una pagina dove nella parte sinistra troverete un elenco di azioni. Per tutte le azioni già effettuate in maniera corretta ci sarà una spunta verde. Se la spunta verde è assente, significa che quella azione è mancante o non del tutto corretta. In questo caso clicca sul link corrisponde per aggiungere o modificare l’azione. Nella parte destra, puoi visualizzare il punteggio pagina della tua struttura e quello di alcuni hotel della tua zona (fig. 34).

fig. 34: sezione informazioni per aumentare il punteggio pagina della struttura

Per aumentare il tuo punteggio clicca dunque il link in corrispondenza dell’azione mancante, aggiungi le informazioni (o le immagini o i tag ecc..) richiesti. A questo punto comparirà la spunta verde e il tuo punteggio immediatamente comincerà a salire. Quando tutte le informazioni saranno inserite il tuo punteggio raggiungerà il 100%.

2. Come migliorare il posizionamento verticale dell’hotel sulla pagina pubblica

Ora che hai creato il profilo hotel, il secondo passo molto importante è assicurarti che la tua struttura abbia una buona visibilità in pagina pubblica. Booking.com propone un numero molto elevato di strutture e nella quasi totalità delle destinazioni, perciò anche tu ti troverai a competere con tante strutture simili a te nella tua zona. Considera che l’utente, quando fa la ricerca su una destinazione, controlla principalmente la prima e la seconda pagina per effettuare una scelta. Per questo motivo diventa importante apparire nelle prime pagine dei risultati e per farlo occorre migliorare la propria posizione verticale all’interno della pagina (ranking) rispetto ai concorrenti. Ci sono alcune azioni e strategie che è possibile adottare per ottenere buoni risultati in questo senso. Di seguito troverai l’elenco delle azioni possibili per migliorare il posizionamento verticale della tua struttura.

  • Programma Partner Preferiti

Il Programma Partner Preferiti permette di ottenere una maggiore visibilità nei risultati di ricerca in pagina pubblica. Le strutture iscritte al Programma ricevono in media il 65% di visite in più sulla loro pagina; naturalmente più visualizzazioni significa più prenotazioni: secondo i dati di Booking.com, si possono ricevere fino al 40% di prenotazioni in più. Alla struttura viene assegnato un simbolo distintivo, l’ormai famoso pollice in su, che indica che Booking.com stesso apprezza e propone questa struttura agli utenti. La condizione per poter partecipare è un riconoscimento al canale di una commissione del 18%. Se hai già un contratto già al 18% di commissioni, non cambierà nulla. Puoi anche attivarlo come test per un periodo, per poi uscirne in qualsiasi momento e tornare alle condizioni contrattuali iniziali.

Ma la commissione non è l’unico criterio necessario: poiché Booking.com assegnandoti il pollice in su, sta proponendo la tua struttura per la qualità e la buona reputazione, per poter partecipare dovrai rispondere a due criteri di qualità specifici:

  1. il Punteggio Performance, ovvero il numero di prenotazioni andate a buon fine (non ne fanno parte le cancellazioni), deve raggiungere almeno il 70%. Questo calcolo lo fa il canale stesso. Se sei una struttura nuova, naturalmente dovrà passare un po’ di tempo prima che il sistema possa calcolarlo (qualche mese o qualche settimana, in base alla velocità con cui entreranno le prenotazioni)
  2. il Punteggio Recensioni, ovvero la media dei punteggi assegnati dai clienti tramite le recensioni che lasciano una volta terminato il soggiorno, deve raggiungere almeno il 70% (punteggio di 7 su 10)

Per poter accedere alla sezione del Programma Preferiti vai al menu in alto e clicca OpportunitàProgramma Partner Preferiti (fig. 35)

fig. 35:

Per poter verificare i tuoi punteggi, scorri la pagina e in fondo vedrai il tuo Punteggio Performance e il tuo Punteggio Recensioni. Se entrambi raggiungono almeno il 70%, clicca il bottone blu Partecipa (fig. 36)

fig. 36: sezione punteggi per la partecipazione al Programma Preferiti

Una volta cliccato su Partecipa, si aprirà il contratto digitale che dovrai confermare e il passaggio a Hotel Preferito sarà immediato. Nel giro di pochi minuti, comparirà il pollice in su in pagina pubblica in corrispondenza del nome della tua struttura (fig. 37).

fig. 37: simbolo Hotel Preferito

Il Programma Partner Preferiti, una volta attivato, è valido per tutto il periodo in cui la struttura è on line. Controlla di tanto in tanto i tuoi punteggi, poiché se si dovessero abbassare il sistema potrebbe farti uscire dal programma. Se ad esempio il tuo Punteggio della performance è 70%, basta 1 punto percentuale in meno per non avere più i criteri sufficienti. In questo caso il sistema segnala il punteggio con il colore giallo (fig. 38)

fig. 38: alert di rischio uscita dal Programma Preferiti

Ricorda che puoi uscire volontariamente dal programma in qualsiasi momento. Sempre nella sezione Programma Partner Preferiti in alto, clicca il bottone Lascia il Programma Preferiti (fig. 39) e l’uscita sarà immediata. E in qualsiasi momento potrai reinserirti in futuro, a patto che i tuoi punteggi siano superiori o uguali al 70%.

fig. 39: uscita dal Programma Preferiti

  • Visibility Booster

Un secondo metodo per migliorare il posizionamento verticale all’interno della pagina pubblica è la funzione Visibility Booster. Consiste, come dice la parola stessa, in un aumento di visibilità e la condizione per ottenerla è un aumento di commissioni. Se la tua commissione è pari al 18%, potresti portarla per esempio al 20%. A differenza del Programma Preferiti, puoi scegliere un periodo specifico in cui concedere una commissione più alta e puoi scegliere se attivarla per tutti a livello globale o solo per uno o più paesi. Se ad esempio in un periodo specifico dell’anno il tuo venduto è particolarmente basso o inferiore rispetto all’anno passato o hai meno presenze di turisti provenienti da un paese specifico, questa funzione potrà aiutarti a migliorare la vendita per il periodo e i clienti che vuoi tu.

Per attivare la funzione vai al menu in alto e clicca OpportunitàVisibility Booster (fig. 40)

fig. 40: sezione per accedere alla funzione Visibility Booster

Il primo passo è la scelta delle date per cui vuoi concedere una commissione più alta. Vedrai un calendario mensile che puoi scorrere avanti e indietro con le freccette in alto. Clicca con il mouse direttamente sul giorno del mese. Se si tratta di più giorni non consecutivi tieni premuto CTRL e clicca sui giorni interessati (es. 1 luglio, 3 agosto, 8 settembre). I giorni scelti si coloreranno di blu. Per cancellare un giorno clicca CTRL e clicca sul giorno interessato, tornerà bianco. Mentre per cancellare tutti i giorni selezionati, clicca il bottone Reimposta le date (fig. 41)

fig. 41: calendario con selezione di giorni non consecutivi

Se si tratta invece di più giorni consecutivi (esempio dal 9 luglio al 4 agosto), clicca sul primo giorno, trascina il mouse senza tenere il tasto premuto e clicca sull’ultimo giorno. Il periodo scelto si colorerà di blu. Per cancellare un giorno clicca CTRL e clicca sul giorno interessato, tornerà bianco. Per cancellare tutto il periodo clicca il bottone Reimposta le date (fig. 42)

fig. 42: calendario con selezione di un periodo

Il secondo passo consiste nello scegliere i mercati a cui ti vuoi rivolgere: a tutti o solo a determinati Paesi. Se ti rivolgi a tutti clicca il tasto Globale, se solo ad alcuni paesi clicca il tasto A seconda del Paese/territorio (fig. 43). In questo caso comparirà una seconda voce dove selezionare il Paese (esempio Austria), clicca il tasto Aggiungi e il paese verrà inserito di seguito (fig. 43). Continuando a cliccare il tasto Aggiungi puoi inserire tutti i Paesi che desideri.

fig. 43: selezione di un paese specifico

Se hai scelto diversi paesi e dopo qualche tempo vuoi eliminarne uno o più, clicca il tasto Elimina in corrispondenza del Paese. Se invece vuoi eliminarli tutti clicca il tasto Reimposta (fig. 44)

fig. 44: eliminazione di uno o più paesi

L’ultimo passo è la scelta della commissione. E’ sufficiente cliccare sul pallino blu e scorrere verso destra tenendo premuto, fino a raggiungere la percentuale di commissione desiderata (esempio 20%), poi clicca il bottone Applica la nuova percentuale di commissione (fig. 45)

fig. 45: aumento della percentuale di commissione

A questo punto comparirà una scritta di conferma e le date selezionate sul calendario (esempio dal 20 al 31 maggio) si coloreranno di verde (fig. 46)

fig. 46: visualizzazione date per cui la commissione è più alta

Da questo momento, per le date che hai scelto, la tua commissione sarà più alta e avrai un migliore posizionamento in pagina pubblica.

Puoi tornare alla commissione di partenza in qualsiasi momento, su alcune date o su tutte le date. All’interno dello stesso calendario clicca sul giorno in cui vuoi eliminare la maggiorazione della commissione (esempio 20 maggio), si colorerà di blu e compariranno subito sotto le voci DataCommissionePaeseElimina. Clicca la voce Elimina e per quel giorno la tua commissione sarà nuovamente quella iniziale (fig. 47) Ripeti per ciascuna data per cui vuoi eliminare la maggiorazione.

fig. 47: eliminazione date con commissione più alta

  • Programma Genius

Il programma Genius è un altro strumento di marketing che aiuta la visibilità verticale sul canale e consiste nell’offrire vantaggi ai clienti fidelizzati a Booking.com. Rispetto agli altri programmi, infatti, ha l’obiettivo principale di mettere in contatto la struttura con i clienti che utilizzano Booking.com con una certa frequenza. La struttura può partecipare al Programma per diventare hotel Genius e il cliente a sua volta può diventare cliente Genius; in particolare diventa cliente Genius di 1° livello se ha prenotato e soggiornato tramite il canale almeno 2 volte in un anno e Genius di 2° livello se ha prenotato e soggiornato almeno 5 volte in un anno. Questi clienti potranno beneficiare dei vantaggi a loro dedicati solo prenotando una struttura che fa parte appunto del programma. Queste strutture a loro volta verranno messe in evidenza nei risultati di ricerca, ottenendo in media un 40% di visualizzazione in più. E gli verrà assegnato il logo “Genius”, ben visibile e immediatamente riconoscibile, in modo che i clienti Genius possano individuarlo rapidamente. In media l’hotel che diventa Genius ottiene il 18% di prenotazioni in più.

Per entrare a far parte del Programma devi aver ricevuto almeno 3 recensioni e il tuo punteggio medio deve essere almeno di 7.5 su 10. La condizione minima necessaria per l’adesione è offrire uno sconto del 10% ai clienti Genius. Lo sconto si attiverà automaticamente su tutto il periodo in cui la struttura è on line (ma potrai escludere fino a 30 giorni), su tutte le tariffe della tipologia di camera più economica e anche della tipologia di camera più venduta (sono scelte automaticamente dal programma e non modificabili). Per tutte le altre tipologie puoi decidere tu se includerle o meno.

Ricorda che una volta attivato il Programma Genius puoi disattivarlo in qualsiasi momento, ma per riattivarlo nuovamente dovrai attendere 6 mesi, non è possibile prima. Per disattivarlo devi fare richiesta all’assistenza di Booking.com tramite un messaggio da extranet; non si può disattivare autonomamente.

Per partecipare vai al menu e clicca Opportunità Programma Genius (fig. 48)

fig. 48: sezione per visualizzare il Programma Genius

Entrerai nella pagina dedicata, clicca il bottone Prova subito Genius (fig. 49) e farai immediatamente parte del Programma.

fig. 49: tasto per aderire al Programma Genius

A questo punto controlla le camere che Booking ha incluso automaticamente; queste sono le tipologie preselezionate che non puoi modificare. Nella stessa pagina, subito sotto il menu principale, clicca Scegli gli alloggi. Le tipologie selezionate dal portale sono quelle con accanto un flag in trasparenza che non può essere eliminato (fig. 50)

fig. 50: camere selezionate dal Programma e non modificabili

Se vuoi aggiungere un’altra tipologia (o più) clicca sulla camera interessata (esempio Camera Matrimoniale Superior) e clicca il bottone Salva modifiche (fig. 51)

fig. 51: aggiungi le camere che desideri

Scegli se aggiungere una o più tipologie in base alla tua occupazione e ai dati di vendita di ciascuna tipologia: se alcune tipologie sono meno vendute di altre perché ad esempio più costose o perché molto numerose, inseriscile nel programma in modo da aumentarne l’appeal; poi in qualsiasi momento potrai escluderle dal programma eliminando il flag.

Ora escludi le date per cui non vuoi che lo sconto del 10% sia attivo, puoi escludere al massimo 30 giorni in un anno solare. All’interno della stessa pagina clicca Sospendi lo sconto Genius. Si aprirà un calendario annuale; clicca il bottone Scegli date (fig. 52)

fig. 52: calendario per la selezione dei giorni da escludere

Una volta cliccato il bottone Scegli date, si aprirà una finestra: clicca il pulsante Ok, prosegui (fig. 53)

fig. 53

A questo punto si apre un calendario; clicca il primo e l’ultimo giorno del periodo che vuoi escludere. Se ad esempio vuoi escludere il periodo dal 6 al 10 giugno, clicca sul 6 giugno poi sul 10 giugno. L’intero periodo si colorerà di blu. E clicca Sospendi date (fig. 54). Ripeti questo procedimento per ogni giorno o periodo che vuoi escludere, non puoi inserire tutti i periodi insieme.

fig. 54: selezione del periodo da escludere

Una volta selezionate le tue date, le vedrai colorate in rosso nel calendario e nella parte sinistra troverai la dicitura che ti conferma di aver sospeso, ad esempio, 30 date e avere di conseguenza 0 giorni da aggiungere e subito sotto l’elenco dei periodi sospesi (fig. 55).

fig. 55: calendario con tutti i periodi esclusi dal Programma Genius

Se in futuro vorrai eliminare le date sospese e quindi reinserirle nel programma, clicca sul simbolo del divieto in corrispondenza dei giorni interessati. Oppure se vuoi modificare le date sospese, clicca sul simbolo della matita in corrispondenza dei giorni interessati (fig. 56) e scegli le nuove date. Ricorda che devi rimanere sempre nel limite di 30 giorni al massimo in un anno solare e non puoi escludere o modificare le date già trascorse.

fig. 56: elimina o modifica date sospese

Lo sconto che hai attivato è visibile ai clienti Genius di 1° livello e di 2° livello. Puoi però decidere di offrire un ulteriore sconto del 5% solo ai clienti di 2° livello per aumentare ulteriormente il tuo posizionamento e la tua visibilità e ottenere fino al 27% di prenotazioni in più. All’interno della stessa pagina clicca Home e in corrispondenza della voce Sconto extra del 5% clicca Vedi l’offerta (fig. 57)

fig. 57: attivazione sconto extra per clienti Genius livello 2

Si aprirà una nuova pagina. Clicca il bottone Attiva (fig. 58) e si aprirà una seconda finestra dove cliccare Si, attiva subito (fig. 59).

fig. 58

fig. 59

Lo sconto ulteriore del 5% si attiverà su tutte le camere e date per cui è stato impostato il Programma Genius Standard. A differenza di quest’ultimo però potrai accendere e spegnere lo sconto extra in qualsiasi momento.

Ora vedrai la conferma dello sconto ulteriore; puoi disattivarlo quando vuoi cliccando la voce Sospendi (fig. 60)

fig. 60: attivazione sconto ulteriore

E infine conferma la sospensione cliccando il bottone Sospendi (fig. 61)

fig. 61

La tua adesione al Programma sarà immediatamente visibile in pagina pubblica tramite il logo Genius che comparirà accanto al nome della tua struttura (fig. 62)

fig. 62: logo Genius in pagina pubblica

Entrando poi nel dettaglio delle camere, vedrai lo stesso logo vicino alla camera o alle camere che fanno parte del programma con lo sconto visibile come prezzo intero sbarrato e prezzo scontato al 10% (fig. 63)

fig. 63: logo associato alla camera con lo sconto per clienti Genius

Dal momento che attivi il Programma Genius, lo sconto che offri vale a livello globale, ovvero per tutti i potenziali clienti Genius a prescindere dal Paese di provenienza o dalla tipologia di cliente. Genius però dà la possibilità di offrire sconti ulteriori a paesi specifici oppure a una tipologia di clientela in particolare: i clienti business.

  • Tariffa Genius per Paese

Se vuoi aumentare la tua visibilità verso i clienti Genius di un Paese in particolare, puoi offrire uno sconto extra a tua scelta solo a quel Paese. Sempre all’interno del Programma Genius clicca Gestisci i tuoi ospiti e il tasto Crea subito l’offerta che trovi nella sezione Offri la tariffa Genius per Paesi specifici e ricevi più prenotazioni (fig. 64)

fig. 64: tariffa Genius per Paesi specifici

Ora scegli il Paese, ad esempio Federazione Russa, cliccandoci sopra e comparirà una spunta blu. Poi clicca il tasto Continua (fig. 65)

fig. 65: seleziona il paese interessato

A questo punto scegli la tipologia di camera per cui si applicherà lo sconto ulteriore, puoi sceglierne una o più di una, cliccando in corrispondenza della camera (esempio solo la Junior Suite con Balcone). Poi clicca Continua (fig. 66)

fig. 66: scelta della tipologia

Ora imposta il valore in percentuale dello Sconto extra che vuoi offrire (minimo 5%) che si sommerà allo Sconto Genius del 10% (totale 15%) e clicca Continua. Se vuoi aumentare lo sconto extra clicca il simbolo “+” per raggiungere la percentuale desiderata (fig. 67)

fig. 67: inserimento dello sconto extra

Infine scegli un nome per la tua offerta, ad esempio Federazione Russa – 15% e clicca Visualizza tariffa (fig. 68). Questo nome sarà visibile solo in extranet.

fig. 68: scegli il nome della tua offerta

Comparirà una finestra con l’anteprima dell’offerta, se è tutto corretto clicca Attiva (fig. 69). Una volta attivata la tariffa sarà valida per il periodo in cui è attivo il Programma Genius standard.

fig. 69: attivazione offerta

Comparirà subito l’offerta con il dettaglio. Se vuoi modificarla clicca Modifica – Modifica e procedi come precedentemente fatto; e quando vorrai sospenderla clicca Modifica-Sospendi (fig. 70)

fig. 70: visualizzazione offerta

Una volta disattivata l’offerta, la vedrai ancora presente ma risulterà sospesa e non più attiva (fig. 71)

fig. 71: visualizzazione offerta sospesa

  • Tariffa Genius Business

Il programma dà la possibilità di migliorare la visibilità della struttura anche rispetto ad una tipologia di clientela Genius in particolare: i clienti business. Anche in questo caso fai una valutazione in base al target di clientela della tua struttura e alla necessità che hai di incentivare le prenotazioni di chi viaggia per lavoro. Per clientela business di Booking.com si intende tutti gli utenti che per la seconda volta selezionano come motivo del viaggio “viaggio per lavoro”. Non vedono lo sconto alla prima prenotazione, ma dalla seconda prenotazione in poi. In particolare la prenotazione deve essere effettuata da un adulto o massimo due adulti e nei giorni infrasettimanali da lunedi a giovedi. Inoltre possono usufruire dello sconto tutte le aziende che hanno un account Booking.

Nella sezione del Programma clicca Gestisci i tuoi ospitiImposta una tariffa business (fig. 72)

fig. 72: creazione tariffa Genius business

Nella pagina che si apre inserisci le informazioni (fig. 73)

fig. 73: inserimento informazioni per attivazione tariffa Genius business

In riferimento alla figura 73, inserisci le informazioni come segue:

  1. Step 1: seleziona gli alloggi da includere. Scegli una o più tipologie di camera cliccando in corrispondenza del nome della tipologia. Se ad esempio in un determinato periodo alla clientela business vendi facilmente le camere Standard o quelle più economiche, prova a spingere la vendita di quelle più costose (nell’esempio Junior Suite con Balcone e Matrimoniale Superior)
  2. Step 2: Imposta la tariffa. Imposta il valore in percentuale dello sconto ulteriore che vuoi offrire per la tariffa business. Si parte da un minimo di 5% che si va a sommare al 10% dello sconto Genius standard. Se vuoi offrire ad esempio uno sconto extra dell’8%, clicca sul + fino a raggiungere la percentuale desiderata; ai clienti Genius business offrirai uno sconto del 18%.
  3. Attiva tariffa: Clicca il bottone blu Attiva tariffa per creare l’offerta

Si aprirà una finestra con il riepilogo dell’offerta. Se è tutto corretto clicca il tasto Inizia (fig. 74)

fig. 74

Ora la tariffa Genius Business è attiva ed è valida per il periodo in cui è attivo il Programma Genius standard. Puoi modificarla o sospenderla in qualsiasi momento. Se vuoi modificarla clicca Modifica – Modifica e apporta le modifiche che desideri; e quando vorrai sospenderla clicca Modifica-Sospendi (fig. 75)

fig. 75: Modifica o sospensione sconto

Una volta disattivata l’offerta, la vedrai ancora presente ma risulterà sospesa. Potrai riattivarla in qualsiasi momento cliccando il tasto Riattiva la tariffa Genius Business (fig. 76)

fig. 76: visualizzazione offerta sospesa

  • Pricing Dinamico

Recentemente Booking ha introdotto una nuova funzionalità all’interno del Programma Genius con l’obiettivo di ottimizzare il tasso di occupazione delle strutture Genius; si tratta del Pricing Dinamico. Attivando questa funzione puoi decidere tu che sconto massimo deve essere applicato ai clienti Genius, lo sconto minimo è pari allo 0%; poi sarà il canale stesso ad impostare la percentuale di sconto in base al range che tu hai scelto. Lo sconto infatti verrà modificato in base al periodo dell’anno, alla domanda di mercato, alla disponibilità di camere della struttura ecc…; se si tratta ad esempio di un periodo con bassa richiesta da parte del mercato e molta disponibilità di camere, Booking applicherà uno sconto alto; viceversa se il periodo è molto richiesto e hai poca disponibilità di camere libere, Booking applicherà uno sconto basso fino a non applicare alcuno sconto. La percentuale minima infatti è 0%, mentre la percentuale massima deve essere almeno del 20%. Lo scopo è aumentare l’occupazione, evitando però di abbassare il prezzo medio nei giorni in cui hai già un buon venduto. In questo caso Booking può azzerare lo sconto e il logo Genius non apparirà nei risultati di ricerca, ma non perderai comunque la posizione raggiunta all’interno della pagina.

Per attivare il Pricing Dinamico, all’interno della pagina dedicata al Programma Genius, clicca Pricing Dinamico (fig. 77) e poi imposta i valori richiesti (fig. 78).

fig. 77: sezione Pricing Dinamico

fig. 78: impostazione Sconto massimo

Il secondo passo è la scelta delle tipologie per le quali applicare lo sconto dinamico. Di default saranno comprese le tipologie preselezionate dallo sconto Genius standard, che non possono essere modificate e puoi aggiungere una o più camere, cliccando sulla tipologia corrispondente (esempio Junior Suite) (fig. 79)

fig. 79: scelta delle tipologie

L’ultimo passo è la scelta delle date da bloccare, cioè i giorni per cui non vuoi che Booking applichi sconti: puoi scegliere al massimo 5 date. Clicca Seleziona datae si aprirà un calendario (fig. 80)

fig. 80: calendario per bloccare le date

Clicca direttamente sul giorno e si aggiungerà automaticamente (esempio 11 giugno) poi clicca Aggiungi una nuova data per impostare il secondo giorno da escludere, puoi selezionare un solo giorno alla volta. Infine clicca il bottone Mostra anteprima (fig. 81)

fig. 81: elenco date bloccate

Vedrai il riepilogo dell’offerta, se è tutto corretto clicca il pulsante Attiva (fig. 82)

fig. 82: riepilogo offerta per l’attivazione

Ora lo sconto è attivato. Puoi disattivarlo quando vuoi, cliccando il pulsante Disattiva il Pricing Dinamico che comparirà in alto a destra della pagina (fig. 83). E in futuro potrai riattivarlo in qualsiasi momento.

fig. 83: disattivazione Pricing Dinamico

  • Servizi extra da offrire: l’Upgrade gratuito

Un altro strumento del Programma Genius che può aiutare ad aumentare la vendita delle camere è l’Upgrade gratuito, cioè la possibilità per i clienti Genius di acquistare una camera superiore al prezzo di una camera più conveniente. Questa possibilità non è rivolta a tutti i clienti Genius ma solo ai clienti Genius di livello 2, cioè a coloro che hanno prenotato e soggiornato tramite Booking almeno 5 volte in un anno; solo loro dunque visualizzeranno l’Upgrade gratuito.

Offrire un Upgrade può esserti utile se ad esempio in alcuni periodi vendi facilmente la tua camera più economica, ma hai difficoltà nel vendere le camere più costose; in questo modo puoi assegnare una camera che sarebbe rimasta invenduta e liberare una camera che, con molta probabilità, venderai. Fai dunque una considerazione in base alla situazione della tua vendita per tipologia, per decidere se quando attivare questa funzione.

Booking preseleziona la camera di partenza (generalmente la più economica) e ti propone le camere superiori in cui fare l’upgrade e tu scegli quale assegnare tra quelle proposte.

Per attivarlo, all’interno della sezione dedicata al Programma Genius, clicca Servizi extra da offrire (fig. 84)

fig. 84: sezione per accedere all’Upgrade gratuito

Scorri la pagina e vedrai la camera che è stata selezionata come camera di partenza (in questo esempio la Camera Matrimoniale) e subito sotto seleziona la camera in cui vuoi effettuare l’upgrade (in questo esempio la Camera Superior) (fig. 85)

fig. 85: selezione camera per l’upgrade

Se vuoi restringere le condizioni dell’offerta clicca subito di seguito Impostazioni avanzate (facoltative), compariranno una serie di domande (fig. 86)

fig. 86: scelta delle condizioni dell’Upgrade

Compila le domande (fig. 86) nel modo seguente:

1 – Vuoi limitare la visibilità di questa promozione? Puoi decidere di offrire l’upgrade solo Lastiminute, ad esempio solo a chi prenota al massimo 1 settimana prima dell’arrivo. Clicca sulla casellina vuota accanto alla dicitura settimane prima del soggiorno, compariranno delle frecce una verso l’alto e una verso il basso; cliccale per aumentare o diminuire la quantità di settimane.

2 – Vuoi stabilire un limite al numero degli upgrade da offrire al giorno? Qui puoi indicare il numero massimo di upgrade che intendi concedere in un giorno. Clicca sulla casella vuota, compariranno delle frecce una verso l’alto e una verso il basso; cliccale per aumentare o diminuire la quantità di upgrade giornalieri. Tieni presente che se concedi ad esempio 2 upgrade giornalieri, due clienti diversi possono prenotarne uno ciascuno, dopodiché l’offerta non sarà più visibile. Ma se un cliente prenota 3 camere e le camere di partenza e quelle assegnate sono uguali o più di 3, la prenotazione andrà comunque a buon fine e l’offerta non sarà più visibile.

3 – Vuoi disattivare questa opzione per alcune date specifiche? Se per alcune date non vuoi che l’offerta sia visibile, clicca Seleziona le date. Si aprirà un calendario nel quale scegliere le date. Clicca su una data o su un periodo, cliccando il primo e l’ultimo giorno di quel periodo, e si aggiungerà automaticamente; puoi eliminare fino a 30 giorni al massimo. Clicca Aggiungi una nuova data se vuoi aggiungere altri giorni o periodi e infine clicca il tasto Attiva la promozione (fig.87)

fig.87: attivazione upgrade gratuito

Comparirà un messaggio di conferma con il dettaglio dell’upgrade. Potrai modificarlo o disattivarlo in qualsiasi momento; cliccando il tasto Modifica poi Modifica l’upgrade puoi cambiare le tue condizioni iniziali; cliccando Modifica poi Disattiva l’upgrade puoi sospenderlo (fig. 88)

fig. 88: modifica o sospensione dell’upgrade gratuito

Una volta disattivato, vedrai ancora il dettaglio dell’upgrade ma risulterà appunto Disattivato e avrai la possibilità di riattivarlo in qualsiasi momento, cliccando il tasto Riattiva (fig. 89)

fig. 89: riattivazione upgrade gratuito

Il cliente Genius di 2° livello individuerà facilmente l’upgrade in pagina pubblica, perché la struttura verrà contrassegnata con un logo giallo. E vedrà subito la camera di livello superiore, in questo caso la Camera Superior al prezzo della camera di partenza (fig. 90)

fig. 90: visualizzazione in pagina pubblica

Quando il cliente effettuerà la prenotazione, riceverà la conferma della camera superiore al prezzo della camera di partenza e anche tu vedrai l’upgrade nella conferma di prenotazione.

3. Booking.com come strumento per migliorare la vendita: tariffe, promozioni e campagne pubblicitarie

  • Piani Tariffari

Una volta create le tipologie di camera (rif. Capitolo 1) Booking attiverà automaticamente il piano tariffario di base associato a ciascuna tipologia, ovvero il piano tariffario “Standard con colazione inclusa”. Se la tua struttura prevede altri tipi di trattamento (Mezza Pensione, Pensione Completa, solo Pernottamento ecc.) è possibile aggiungerli. Vai al menu principale e clicca Tariffe & DisponibilitàPiani tariffari (fig. 91)

Fig. 91: sezione per la creazione dei piani tariffari

 Clicca il bottone Aggiungi un nuovo piano tariffario (fig. 92)

fig. 92

Si aprirà una pagina con diverse opzioni, scegli l’Opzione personalizzata e clicca Aggiungi piano tariffario (fig. 93)

fig. 93: creazione di un piano tariffario personalizzato

Si aprirà una pagina con 8 step da compilare:

  1. Come primo passo clicca sulla condizione di cancellazione tra quelle attive ( Capitolo 5 – Attivazione condizioni di cancellazioni), in questo esempio cancellazione Flessibile – 3 giorni (ovvero cancellazione gratuita fino a 3 giorni prima dell’arrivo) (fig. 94)

fig. 94

  1. Poi scegli se e quali pasti sono inclusi nella tariffa. Se ad esempio si tratta di un soggiorno che prevede solo pernottamento clicca No, mentre se ci sono dei pasti inclusi nel prezzo clicca Si; compariranno tutte le opzioni di pasti. Se si tratta ad esempio di una tariffa in Mezza Pensione clicca Colazione e Cena ( 95). Se fosse Pensione Completa, clicca Colazione, Pranzo e Cena

fig. 95

  1. Specifica se il nuovo piano tariffario prevede un soggiorno minimo o può essere acquistato anche per singole notti. Se la tariffa non ha una durata minima di soggiorno clicca No, in caso contrario clicca Si; si aprirà una finestra dove inserire il numero minimo di notti (esempio 2 notti) che puoi impostare usando le frecce sulla destra (fig. 96)

fig. 96: durata del soggiorno minimo del nuovo piano tariffario

  1. Se il piano tariffario può essere prenotato in qualsiasi momento senza limitazioni particolari, clicca Sempre (questo piano tariffario è sempre disponibile), mentre se è possibile prenotarlo solo qualche giorno prima dell’arrivo (esempio 2 giorni prima) clicca Imposta un numero di giorni prima del check in. Si aprirà una finestra dove inserire il numero di giorni prima dell’arrivo (esempio 2 giorni) che puoi impostare usando le frecce sulla destra (fig. 97)

fig. 97

  1. Il prezzo del nuovo piano tariffario può essere gestito indipendentemente oppure può essere derivato da un piano tariffario già esistente. Nel primo caso clicca Imposta come nuovo piano tariffario. Se utilizzi un channel manager per inviare le tariffe, il consiglio è di scegliere questa opzione in modo da poter gestire indipendentemente anche l’apertura e la chiusura. Se invece non utilizzi un channel manager, per semplificare l’inserimento delle tariffe, ti consiglio di cliccare la seconda opzione In base a uno dei miei piani tariffari . Si aprirà una finestra per la selezione del piano tariffario da cui derivare il prezzo, esempio dalla Standard Rate (fig. 98). In questo caso ricordati che la tua nuova tariffa è legata alla tariffa principale da cui deriva, quindi non può essere aperta o chiusa indipendentemente da quest’ultima.

fig. 98: derivazione da un piano tariffario principale

  1. Nel caso di piano tariffario derivato, si aprirà un’altra voce dove inserire la differenza (più economico o più caro) rispetto alla tariffa principale; puoi impostarla in percentuale o in euro. Se ad esempio stai creando il piano tariffario in Mezza Pensione, dovrai cliccare Più caro di Standard Rate (che prevede il solo pernottamento e colazione) e specificare di quanto è più caro, esempio + 20,00 euro (fig. 99)

fig. 99

Se volessi creare invece un piano tariffario in solo Pernottamento, clicca Più economico di Standard Rate e ad esempio -10€ o -10%

  1. Ora seleziona le camere per cui vuoi attivare il piano tariffario, tutte o solo alcune (fig. 100)

fig. 100

  1. Infine scegli il nome del piano tariffario inserendolo manualmente, esempio Mezza Pensione (fig. 111); questo nome sarà visualizzato solo in extranet in modo da essere riconoscibile ma non sarà visibile on line.

fig. 101

E in fondo a destra clicca Controlla (fig. 102)

fig. 102

Controlla il riepilogo e clicca Attiva il piano tariffario (fig. 103)

fig. 103: attivazione piano tariffario

Questo è un esempio di piano tariffario rimborsabile, ma puoi creare anche una tariffa non rimborsabile. In questo caso torna alle opzioni iniziali, ma scegli Non rimborsabile e clicca Aggiungi piano tariffario (fig. 104)

fig. 104: opzione piano tariffario non rimborsabile

Si aprirà una pagina da compilare identica alla precedente, ma con già l’impostazione dell’opzione Non Rimborsabile (fig. 105).

fig. 105

  • Tariffa Mobile

Finora abbiamo visto le tariffe che è possibile inserire su Booking.com per vendere i propri trattamenti (Pernottamento e Colazione, Mezza Pensione, Solo Pernottamento ecc.) e le proprie condizioni di vendita (tariffa rimborsabile e tariffa non rimborsabile). Queste tariffe sono visibili da tutti gli utenti di Booking a livello globale; esistono però anche tariffe che si rivolgono ad una parte di utenza specifica e non a tutti: una di queste è la Tariffa Mobile che viene visualizzata appunto solo da dispositivi mobili, sia app che siti mobili. Negli ultimi anni è aumentato il numero di clienti che fanno ricerche e prenotazioni da cellulare piuttosto che da pc e il numero di questa clientela è in crescita continua. Tramite Booking.com hai la possibilità di renderti più visibile sul canale mobile, attivando questa tariffa dedicata: per farlo è necessario creare una promozione con uno sconto minimo del 10%. Secondo i dati di Booking.com, attivare la tariffa Mobile può portare a un 26% in più di prenotazioni da cellulare.

Vai al menu e clicca Tariffe & DisponibilitàTariffe per i dispositivi mobili (fig. 106)

fig. 106: sezione per l’attivazione della Tariffa Mobile

Clicca il bottone in alto a destra: Aggiungi una nuova tariffa per dispositivi mobili (fig. 107)

fig. 107

Come prima cosa scegli la piattaforma in cui pubblicare la tariffa; hai 2 opzioni: App e siti mobili, in questo caso sarà visibile dall’app di Booking.com e dalla versione mobile del sito; oppure Solo app (fig. 108)

fig. 108

Poi imposta lo sconto in percentuale che vuoi offrire utilizzando le frecce (fig. 109). Lo sconto minimo e del 10%

fig. 109

L’offerta che proponi sarà valida per tutte le tipologie, non è possibile escludere nessuna camere e sarà attiva su tutto il periodo in cui la tua struttura è on line. Hai però la possibilità di escludere alcune date che non vuoi scontare, ad esempio feste nazionali o eventi importanti sulla tua destinazione; puoi bloccare fino a un massimo di 33 giorni. Come ultimo passo blocca le date da escludere, cliccando Scegli le date (fig. 110)

fig. 110

Si aprirà un calendario: è sufficiente cliccare direttamente sui giorni interessati e si coloreranno di blu. Se successivamente vuoi eliminare qualche data esclusa, quindi riattivarla nell’offerta (esempio il 25 giugno) clicca elimina in corrispondenza della data. Una volta selezionate tutte le date clicca OK (fig. 111) poi in basso a destra clicca il bottone Ricontrolla (fig. 112)

fig. 111: calendario per la selezione delle date da eliminare

 fig. 112

Comparirà il riepilogo della tariffa appena creata, se è tutto corretto clicca Attiva (fig. 113) e lo sconto sarà immediatamente visibile e prenotabile dai dispositivi mobili.

fig. 113: attivazione della tariffa

La tua struttura, tramite cellulare, apparirà contrassegnata con un “tag” arancione e la scritta Prezzo solo su Mobile (fig. 114)

fig. 114: visualizzazione da cellulare

Puoi modificarla o disattivarla in qualsiasi momento. Torna nella sezione della Tariffa Mobile (fig. 116) e clicca su App e siti mobili o Solo app (in base a come avevi creato l’offerta) (Fig. 115)

Fig. 115: visualizzazione da extranet

Vedrai il riepilogo dell’offerta: clicca Disattiva per spegnerla o Modifica se vuoi modificarla (fig. 116)

fig. 116: modifica o disattivazione dell’offerta

Una volta disattivata la troverai sempre visibile nella stessa sezione ma come Non attive; se in futuro vorrai riattivarla clicca App e siti mobili (fig. 117)

fig. 117: visualizzazione offerta disattivata

Si aprirà il riepilogo, clicca su Attiva (fig. 118) e l’offerta tornerà visibile e prenotabile.

fig. 118: riattivazione dell’offerta

  • Tariffa Geolocalizzata

Esiste un’altra tipologia di tariffa che, come la Mobile, si rivolge a un’utenza specifica: si tratta della tariffa Geolocalizzata. E’ una tariffa rivolta agli ospiti di un determinato Paese che ha lo scopo di incrementare le prenotazioni provenienti da quella specifica area geografica. Anche in questo caso si tratta di attivare un’offerta con uno sconto minimo del 10%. Vai al menu e clicca Tariffe & DisponibilitàTariffe per paese (fig. 119)

fig. 119: sezione per attivare la Tariffa Geolocalizzata

In alto a destra clicca Aggiungi una nuova tariffa per Paese (fig. 120)

fig. 120

Il primo passo è la scelta del Paese: clicca la casella in corrispondenza di uno o più paesi tra quelli proposti. Non è possibile scegliere una nazione Europea singolarmentem ma solo l’intera Europa (Spazio Economico Europeo e Regno Unito). Per alcune zone geografiche, esempio Nord America, è possibile scegliere le zone specifiche cliccando sulla freccia corrispondente (fig. 121, fig. 122).

fig. 121

fig. 122

Poi imposta lo sconto in percentuale che vuoi offrire, utilizzando le frecce (fig. 123). In questo caso non c’è uno sconto minimo prestabilito.

fig. 123

L’offerta sarà valida per tutte le tipologie, non è possibile escludere nessuna camera e sarà attiva su tutto il periodo in cui la tua struttura è on line. Anche in questo caso hai la possibilità di escludere alcune date fino a un massimo di 33 giorni. Come ultimo passo blocca le date da escludere, cliccando Scegli le date (fig. 124)

fig. 124

Si aprirà un calendario: è sufficiente cliccare direttamente sui giorni interessati e si coloreranno di blu. Se successivamente vuoi eliminare qualche data esclusa, quindi riattivarla (esempio il 25 giugno) clicca elimina in corrispondenza della data. Una volta selezionate tutte le date clicca OK (fig. 125) poi in basso a destra clicca il bottone Ricontrolla (fig. 126)

fig. 125: calendario con date escluse

fig. 126

Comparirà il riepilogo della tariffa appena creata, se è tutto corretto clicca Attiva (fig. 127)

fig. 127: attivazione offerta geolocalizzata

Come per la tariffa mobile e con lo stesso procedimento, potrai modificare o disattivare in qualsiasi momento anche l’offerta Geolocalizzata.

  • Promozioni

Booking.com prevede anche una sezione dedicata in senso stretto alle promozioni, dove propone una serie di offerte che, a differenze delle Tariffe Mobile e Geolocalizzata, puoi attivare in maniera completamente personalizzata: puoi decidere su quali tipologie e su quali tariffa offrire uno sconto e per che periodo. L’attivazione di queste promozioni aiuta la struttura non solo ad aumentare il venduto in determinati periodi, ma anche a migliorare la visibilità in pagina pubblica. Esistono diverse tipologie di promozione.

  • Offerta Base

L’Offerta Base può essere visibile a tutti gli utenti che utilizzano Booking.com oppure solo agli utenti che hanno un account personale per accedere al canale o sono iscritti alla newsletter: si chiama Offerta SuperSegreta, proprio perché non visibile a tutti. Scegliendo questa seconda opzione godrai di maggiore visibilità rispetto alla prima; in media le strutture con offerte SuperSegrete aumentano i loro guadagni di un 7,3%.

Per creare un’Offerta Base vai al menu e clicca PromozioniAggiungi promozione (fig. 128)

fig. 128: sezione per accedere alle promozioni

Scegli l’opzione Personalizza e clicca Crea una promozione (fig. 129)

fig. 129: creazione offerta personalizzata

Entrerai nella pagina dedicata dove per prima cosa devi specificare il tipo di offerta, in questo caso Offerta Base, cliccando sull’opzione corrispondente, che verrà contrassegnata da un rettangolo (fig. 130)

fig. 130: opzione Offerta Base

Poi scegli chi può usufruire di questa promozione: Tutti quindi visibile a tutti gli utenti o Solo chi ha un account e gli iscritti alla newsletter, dunque l’offerta SuperSegreta. Clicca sull’opzione scelta, in questo esempio Tutti che verrà contrassegnata da un rettangolo (fig. 131)

fig. 131: offerta per Tutti

Indica Quanto a lungo devono soggiornare gli ospiti per usufruire di questa promozione. Clicca sulle freccette a destra e si aprirà una finestra. Puoi impostare un minimo di soggiorno (da 2 a 7 notti), in questo caso clicca sul numero di notti; oppure puoi renderla prenotabile per singole notti, in questo caso clicca Nessun soggiorno minimo richiesto; o infine puoi mantenere le stesse restrizioni del piano tariffario da cui deriva l’offerta, in questo caso clicca Come previsto dal piano tariffario scelto (fig. 132)

fig. 132: opzioni per lunghezza soggiorno

Scegli la percentuale di sconto che vuoi offrire. La scelta è completamente autonoma, non c’è uno sconto minimo o massimo prestabilito. Clicca sulle frecce per impostare la percentuale desiderata (fig. 133)

fig. 133: impostazione sconto

Clicca sul piano tariffario su cui sarà applicato lo sconto. Se ad esempio hai un piano tariffario rimborsabile Standard Rate e uno non rimborsabile Non Refundable Rate già scontato rispetto alla standard rate, puoi decidere di applicare lo sconto solo al piano tariffario Standard Rate cioè la tariffa piena (fig. 134)

fig. 134: scelta del piano tariffario da scontare

Clicca la tipologia di camera su cui applicare lo sconto. Analizza la tua occupazione per tipologia e scegli quella o quelle per cui hai più necessità di spingere la vendita in un determinato periodo dell’anno, in questo esempio la camera più costosa: la Suite (fig. 135)

fig. 135: scelta della tipologia

Seleziona sul calendario i giorni in cui è valida l’offerta, ad esempio solo i giorni da domenica a giovedì per tutto il mese di luglio. Tieni premuto CTRL sulla tastiera e clicca direttamente sui giorni interessati, si coloreranno di blu (fig. 136)

fig. 136: calendario con i giorni di validità dell’offerta

 

Se vuoi eliminare uno o più giorni tieni premuto CTRL e clicca su una delle date selezionate; tornerà bianca. Se vuoi resettare tutte le date impostate, clicca il bottone rosso sopra il calendario Reimposta data e il calendario tornerà bianco (fig. 137)

fig. 137

Scegli il nome della tua promozione, ad esempio in questo caso Offerta Midweek (fig.138) Questo nome verrà visualizzato solo in extranet, non sarà mostrato in pagina pubblica.

fig.138: nome dell’offerta

E infine, facoltativamente, puoi impostare un limite alla prenotabilità dell’offerta (periodo in cui l’offerta è visibile e prenotabile). Puoi decidere se può essere prenotata sempre o solo per un periodo limitato: esempio solo nel mese di giugno. In questo caso clicca la freccia in basso a destra in corrispondenza della voce Mostra Impostazioni avanzate (fig. 139)

fig. 139

Si aprirà un calendario dove selezionare i giorni di visibilità dell’offerta. Tieni premuto CTRL sulla tastiera e clicca direttamente sui giorni interessati, si coloreranno di blu. E se lo desideri, puoi impostare anche un orario in cui, per i giorni selezionati, è visibile lo sconto (esempio dalle 17:00 alle 23:00) (fig. 140)

fig. 140: calendario con i giorni di visibilità dell’offerta

E clicca il bottone blu in fondo Rivedi la tua promozione (fig. 141)

fig. 141

Comparirà il riepilogo dell’offerta. Se tutto corretto clicca il bottone Attiva la promozione (altrimenti Modifica) (fig. 142)

fig. 142: Attivazione offerta

L’offerta è attiva, puoi disattivarla in qualsiasi momento entrando nella sezione dedicata alle promozioni: torna al menu e clicca Promozioni – Promozioni (fig. 143). Vedrai il riepilogo dell’offerta. Clicca Disattiva per chiuderla o Modifica se vuoi modificarla (fig. 144)

fig. 143

fig. 144: disattivazione o modifica offerta

  • Offerta Lastminute

L’offerta Lastminute è uno sconto valido per un breve periodo di tempo e per prenotazioni effettuate poco prima rispetto alla data di arrivo. Ad esempio se sotto data ti rimangono camere libere, prova a spingerne la vendita attivando un’offerta che ti garantisce una maggiore visibilità verso quei clienti che prenotano con pochi giorni di anticipo. Anche questa offerta può essere visibile a tutti gli utenti o puoi renderla SuperSegreta (fig. 141) Vai alla sezione dedicata alla creazione delle promozioni: Promozioni – Aggiungi promozione – Personalizza (fig. 138 e 139) e scegli l’opzione Lastminute cliccando all’interno del rettangolo (fig. 145).

fig. 145: creazione offerta Lastminute

La promozione si crea con lo stesso procedimento utilizzato per l’Offerta Base, si diversifica solo il primo step. Dovrai indicare quanti giorni prima del check in deve essere prenotata l’offerta per essere valida. Ad esempio solo fino a 3 giorni prima del check in. Clicca sull’opzione desiderata tra le 2 proposte o inserisci direttamente il numero di giorni che preferisci (fig. 146)

fig. 146

  • Offerta Prenota Prima

L’offerta Prenota Prima è uno sconto che, al contrario del Lastminute, offri solo ai clienti che prenotano il soggiorno con largo anticipo. Se hai ad esempio una struttura che ricevere il maggior numero di prenotazioni sotto data, attivando un’offerta valida solo per chi prenota con molto anticipo, puoi migliorare l’occupazione e compensare una parte di invenduto (quello che non riesci a recuperare sotto data). Anche questa offerta può essere visibile a tutti gli utenti o puoi renderla SuperSegreta (fig. 141). Torna alla sezione dedicata alla creazione delle promozioni: Promozioni – Aggiungi promozione – Personalizza (fig. 138 e 139)   e scegli l’opzione Prenota Prima cliccando all’interno del rettangolo (fig. 147)

fig. 147: attivazione offerta Prenota prima

La promozione si crea con lo stesso procedimento utilizzato per le altre offerte e anche in questo caso cambia solo il primo step. Inserisci il numero corrispondente a quanti giorni prima del check in è possibile prenotare il soggiorno scontato, esempio almeno 30 giorni prima dell’arrivo (fig. 148)

fig. 148

  • Notti Gratuite

L’offerta Notti gratis è una promozione che, oltre a migliorare l’occupazione, può aiutarti ad aumentare la durata del soggiorno medio dei clienti. Consiste appunto nell’omaggiare al cliente una notte, a condizione che il soggiorno sia lungo un certo numero di notti. Anche in questo caso, in base al periodo che vuoi promuovere, fai una valutazione del soggiorno medio dei tuoi clienti e scegli la condizione più appropriata. Se ad esempio in un certo periodo dell’anno la durata media dei  soggiorni è di 2 notti, prova a proporre soggiorni di 3 notti offrendo la quarta notte gratuitamente. Oltre alla media, ti consiglio di guardare anche il valore della Moda, che esprime la durata più frequente: se la durata media dei soggiorni è 2 notti e la moda è 4, allora meglio non proporre la quarta notte gratis. Per attivare la promozione torna alla sezione dedicata alla creazione delle promozioni (fig. 148 e 149) e scegli l’opzione Notti Gratis cliccando all’interno del rettangolo (fig. 149). Questa offerta sarà visibile a tutti, non la si può rendere SuperSegreta.

fig. 149: attivazione offerta Notti gratis

Anche in questo caso solo il primo step si differenzia delle offerte precedenti. Cliccando sulle frecce a destra, imposta il numero di notti in cui il cliente deve soggiornare a prezzo intero per poter beneficiare di una notte gratuita, ad esempio 3 notti (fig. 150); in questo caso la quarta notte sarà gratuita.

fig. 150

 

  • Offerta a Tempo

L’ultima tipologia di offerta si distingue dalle precedenti per la sua peculiarità. Viene anche chiamata Flash Sale, data la sua caratteristica di breve durata: è prenotabile per uno o due giorni al massimo e prevede uno sconto importante: almeno del 30%. La forza di questa promozione consiste proprio nella necessità di doverla prenotare in breve tempo per poter usufruire di uno sconto alto. Gli hotel che attivano una promozione di questo tipo vengono messi in evidenza in pagina pubblica con un logo dedicato e il loro posizionamento nei risultati di ricerca aumenterà, migliorando dunque la visibilità. Nella sezione dedicata (fig.138 e 139), scegli l’opzione Offerta a Tempo (fig. 151)

fig. 151: attivazione Offerta a Tempo

Il primo passo, anche in questo caso l’unico che si differenzia dalle offerte precedenti, è la scelta del giorno o dei giorni (massimo due) in cui sarà visibile l’offerta. Per la scelta dei giorni, consiglio di confrontarsi con il market manager di Booking della tua zona per capire quali sono i giorni della settimana in cui, sulla tua destinazione, vengono effettuate il maggior numero di ricerche e prenotazioni (solitamente nel week end), in modo da ottenere il maggiore beneficio possibile in termini di visualizzazioni. Nel calendario clicca direttamente sui giorni che hai scelto esempio 18 e 19 luglio (sabato e domenica), si coloreranno di blu. Mentre i giorni di colore azzurro chiaro sono i periodi in cui non puoi attivare altre offerte di questo tipo: non è possibile creare un’altra offerta nelle 2 settimane prima e nelle due settimane dopo la tua Offerta a Tempo (fig.152)

fig.152: calendario Offerta a tempo

  • Campagne pubblicitarie

Oltre agli sconti e promozioni che puoi creare su Booking.com, esiste un’ultima tipologia di azione promozionale che garantisce una maggiore visibilità non solo in termini di posizionamento all’interno della pagina pubblica, ma anche in termini pubblicitari, poiché attivandola partecipi a tutte le campagne di marketing che promuove il canale stesso. La tua struttura sarà pubblicizzata e resa visibile attraverso le newsletter che Booking invia agli utenti e attraverso tutte le attività promozionali promosse dal canale. Si parla infatti di Campagna Pubblicitaria e consiste nella creazione di un’offerta le cui condizioni sono prestabilite da Booking. Di tanto in tanto, il canale ne propone una o al massimo due in base al periodo che ritiene necessario promuovere. Prendiamo ad esempio la campagna Offerta di Viaggio. Vai alla sezione PromozioniAggiungi promozione (fig.138). In questa pagina, oltre all’offerta personalizzata, troverai la campagna che Booking sta proponendo, sotto la voce Campagne. Le condizioni sono già definite e non modificabili: Data prenotazione (in che periodo è possibile prenotare l’offerta), Date soggiorno (in che periodo è possibile soggiornare): il range è fisso, ma si possono escludere alcune date a propria discrezione e Sconto: c’è un valore percentuale minimo da cui non si può scendere ma eventualmente solo salire (fig.153)

fig.153: esempio di campagna pubblicitaria

Clicca il bottone blu Crea una promozione

fig. 154: creazione campagna pubblicitaria

Nella nuova pagina vedrai riepilogate le condizioni fisse predefinite dell’offerta: data prenotazione, durata soggiorno ed eventualmente altre informazioni come in questo caso: Non rimborsabile, cioè la tariffa scontata sarà non rimborsabile senza possibilità di renderla rimborsabile e Carta di credito obbligatoria, cioè il cliente può prenotare soltanto se inserisce un numero di carta di credito (fig.155).

fig.155: riepilogo condizioni non modificabili

Ora inserisci lo sconto scrivendolo direttamente all’interno dello spazio dedicato, da un minimo del 15% a un massimo del 99% (esempio 20%)(fig.156)

fig.156

Seleziona il piano tariffario sul quale verrà applicato lo sconto, cliccando in corrispondenza della tariffa (esempio Tariffa B&B) (fig.157)

fig.157: piano tariffario da scontare

Poi scegli le camere, tra quelle presenti sul canale, sulle quali attivare l’offerta, cliccando in corrispondenza della tipologia o delle tipologie interessate (fig.158)

fig.158: tipologia su cui si attiverà l’offerta

Scegli le date di soggiorno da escludere. I giorni corrispondenti al periodo di soggiorno prestabilito saranno già selezionati (in blu sul calendario). Tenendo premuto CTRL e cliccando sui giorni da escludere, torneranno bianchi, Questi sono i giorni esclusi dall’offerta (esempio dal 10 al 23 agosto) (fig.159)

fig.159: calendario co i giorni di validità

Alternativamente, c’è un altro metodo per escludere le date, utile nel caso in cui vuoi che l’offerta sia valida per tutto il periodo preimpostato a esclusione di un solo giorno della settimana, ad esempio tutti i sabati e/o di un solo mese (o più mesi), ad esempio solo agosto. In questo caso, a destra del calendario, togli il flag dai giorni della settimana da escludere e/o i mesi da escludere. Li vedrai immediatamente riportati anche sul calendario (fig.160)

fig.160

Come ultimo passaggio scegli il nome della tua promozione, esempio Offerta di Viaggio 20%, inserendolo manualmente (fig.161)

fig.161: nome dell’offerta

Questo nome sarà visualizzato solo in extranet e ti servirà a riconoscere l’offerta. Nella pagina pubblica invece la tua struttura verrà evidenziata con un’icona speciale, che varia in base al tipo di campagna promozionale che stai attivando.

Infine clicca il bottone Rivedi la tua promozione (fig.162)

fig.162

Vedrai il riepilogo dell’offerta, se è tutto corretto clicca Attiva la promozione (fig.163)

fig.163: attivazione campagna promozionale

La potrai disattivare in qualsiasi momento prima della fine della validità dell’offerta, altrimenti si disattiverà autonomamente quando termina la validità, in questo esempio il 5 gennaio 2021.

4. Booking.com come strumento di analisi

Booking.com può essere utilizzato non solo come canale per vendere soggiorni, attivare tariffe e promozioni, ma anche come vero e proprio strumento di analisi, una preziosa fonte di informazioni che ci consentono di definire strategie di vendita migliori. All’interno dell’extranet infatti, è possibile accedere ad una serie di dati e statiche che forniscono informazioni importanti per analizzare in maniera dettagliata l’andamento della tua struttura sul canale e ottenere informazioni sui tuoi ospiti.

  • Reputazione: giudizi ed esperienza degli ospiti

La Reputazione della tua struttura è data dai giudizi e dalle recensioni che i clienti pubblicano su Booking una volta terminato il soggiorno. Per ciascuna struttura è assegnato un punteggio che è dato dalla media di tutte le recensioni ottenute. Questo punteggio, ben visibile accanto al nome della struttura in pagina pubblica (fig. 174), gioca un ruolo molto importante nella scelta del soggiorno dell’utente, per questo è necessario tenerlo monitorato e far sì che sia sufficientemente alto, potremmo dire almeno pari a 8 su 10.

fig. 164: punteggio recensioni

Per ottenere un buon punteggio occorre innanzitutto controllare le recensioni degli ospiti per individuare i tuoi punti di forza e debolezza. All’interno dell’extranet del portale, dal menu principale, clicca Giudizi degli ospitiGiudizi degli ospiti (fig.165)

fig.165: sezione giudizi degli ospiti

Si aprirà una sezione dove vedrai come prima cosa la media dei punteggi dati dai clienti in base a determinate categorie (ad esempio Comfort: 8,5 su 10). La prima parte raggruppa i punteggi, dati dagli ospiti alle categorie, che determinano il punteggio finale (colore verde), la seconda parte sono i punteggi delle categorie extra, che non vengono conteggiati nella media del punteggio finale (colore blu) (fig.166), ma che possono essere utili a livello informativo.

fig. 166: media punteggi per categoria

Di seguito troverai tutti i singoli giudizi degli ospiti, visibili anche in pagina pubblica. Il consiglio è di leggere anche i singoli punteggi e commenti, ma la visualizzazione delle medie (fig.166) ti aiuterà a vedere a colpo d’occhio quali categorie sono più apprezzate e quali meno. Questo è molto utile per sapere su cosa lavorare per migliorare la percezione dei clienti e, di conseguenza, la tua reputazione sul canale. E’ possibile approfondire ulteriormente l’analisi dei giudizi andando ancora più nel dettaglio. Nella stessa pagina, subito sotto i punteggi medi sulla destra c’è un link: Vedi più nel dettaglio il tuo punteggio giudizi (fig.167)

fig.167: link per accedere al dettaglio punteggio giudizi

Cliccando il link accedi ad una pagina in cui puoi vedere diverse statistiche. La prima si riferisce ai punteggi che hai ricevuto in un certo periodo di tempo. Clicca innanzitutto il periodo di tempo che vuoi analizzare (esempio gli ultimi 365 giorni), poi sulla freccetta verso il basso, si aprirà una finestra con delle opzioni predefinite; seleziona il periodo desiderato (fig.168)

fig. 168: scelta del periodo da analizzare

Clicca il primo tab Nessuno per vedere i punteggi ottenuti nell’ultimo anno. In particolare vedrai sulla sinistra i punteggi degli ultimi 365 giorni e subito sotto i punteggi degli ultimi 24 mesi. Così potrai valutare se negli ultimi 24 mesi il punteggio si è abbassato, alzato o è rimasto stabile rispetto ai mesi precedenti. Sulla destra puoi vedere i punteggi ricevuti raggruppati per percentuale di clienti che hanno dato quel punteggio e subito sotto, i voti raggruppati per categoria (fig.169)

fig. 169: visualizzazione punteggi

Sotto questa tabella troverai anche un grafico con i punteggi medi distinti per mesi dell’anno e numero di recensioni. Gli istogrammi blu rappresentano il numero di recensioni e la curva blu rappresenta la media dei punteggi dagli ospiti. In questo esempio la struttura è stagionale e l’anno comprende i mesi da giugno a settembre. Ad esempio nel mese di giugno 2019 l’hotel ha ricevuto 30 recensioni il cui punteggio medio è pari a 8,9 (fig.170)

fig.170: media punteggi per mesi dell’anno

E’ inoltre possibile confrontare questi dati con gli stessi ottenuti l’anno precedente. Tra i tab in alto clicca Anno precedente. Vedrai le stesse informazioni ma con il confronto con l’anno passato: il colore più scuro si riferisce all’anno in corso, il colore più chiaro si riferisce all’anno precedente (fig.171-172)

fig.171: visualizzazione con confronto anno precedente

fig.172: grafico con confronto anno precedente

Un altro confronto interessante è quello rispetto ai tuoi concorrenti. Per vederlo scegli il tab Lista competitor. Questa lista include un gruppo di almeno 10 hotel che puoi scegliere tu (il dettaglio della creazione della lista competitor è nelle pagine seguenti). Il colore più scuro si riferisce al tuo hotel, il colore più chiaro ai tuoi concorrenti (fig.173-174)

fig. 173: visualizzazione con confronto concorrenti

fig.174: grafico con confronto concorrenti

Infine puoi fare lo stesso identico confronto anche rispetto ai Competitor diretti cioè i concorrenti che seleziona Booking tra le migliori 50 strutture simili alla tua, in base a posizione, tipologia, prezzo, punteggio recensioni, stelle e servizi; in questo caso clicca il tab Competitor diretti (fig.185) e poi clicca su Mercato, che include tutte le strutture situate nella tua destinazione (fig.176)

fig.175

fig.176

Booking.com fornisce inoltre alcune statistiche non solo rispetto al punteggio numerico ma anche rispetto ai contenuti dei giudizi; in particolare individua gli argomenti più ricorrenti all’interno delle recensioni. Per analizzarli torna al menu e clicca Giudizi degli ospitiEsperienza degli ospiti (fig.177)

fig.177: sezione esperienza degli ospiti

Qui troverai la percentuale di clienti che ha dato punteggi più bassi rispetto al tuo punteggio medio e la percentuale di clienti che ha dato punteggi più alti. Vedrai già raggruppati gli argomenti ricorrenti sia in termini di esperienza positiva che in termini di esperienza negativa, suddivisi per categoria e numero recensioni (fig.178).

Fig.178: esperienza ospiti per argomenti ricorrenti

In questo modo, molto rapidamente, puoi individuare i punti di forza e debolezza più citati e quindi più attendibili; e dedicando maggiore attenzione alle categorie con valutazione bassa, potrai migliorarle e rendere più piacevole l’esperienza dei tuoi ospiti.

  • Analytics

Analytics è uno strumento molto utile che fornisce Booking.com, grazie al quale è possibile analizzare i dati di performance della struttura sul canale. Si tratta di statistiche, dati e informazioni relative all’andamento della propria struttura nel periodo in corso e anche rispetto all’anno passato e rispetto ai concorrenti. Il primo passo da fare innanzitutto è stabilire chi sono i propri concorrenti e inserirli in extranet, in modo tale che il sistema possa elaborare i dati di quelle strutture in particolare.

  • Gestione Lista Competitor

La Lista Competitor è appunto il gruppo di hotel presenti su Booking che consideri tuoi concorrenti. Per individuarli il consiglio è di controllare sulla pagina pubblica di Booking quali strutture sono presenti nella tua destinazione. In base alle tue caratteristiche, filtra la ricerca per tipologia di struttura, numero di stelle se si tratta di un hotel, giudizi degli ospiti e servizi principali. In questo modo avrai un elenco di strutture simili alla tua e sarà più semplice individuare i tuoi concorrenti. Poi entra nell’extranet e dal menù principale clicca AnalyticsGestisci Lista Competitor (fig.179)

fig 179: sezione per inserire la lista competitor

Si aprirà una pagina dove a sinistra vedrai una lista di strutture concorrenti preselezionate da Booking: Lista competitor calcolata e a destra uno spazio vuoto: La tua lista competitor, dove dovrai inserire le strutture individuate (fig.180)

fig.180: lista concorrenti predefinita

Inserirle è molto semplice: se sono già presenti nella lista proposta da Booking è sufficiente cliccare sulla struttura e trascinarla col mouse da sinistra a destra nello spazio vuoto. Se non presenti, puoi scrivere il nome del concorrente nello spazio dedicato. Quando comparirà nella finestra la struttura ricercata, clicca su questa e si inserirà automaticamente nello spazio vuoto (fig.181)

fig.181: ricerca struttura concorrente

Devi inserire 10 strutture esatte, se ne inserisci meno di 10 o più di 10 le tue modifiche non saranno salvate. Una volta inserite tutte e 10 il sistema le salverà automaticamente e non possono essere modificate per 30 giorni. Per eliminare una struttura scelta è sufficiente cliccare sopra il nome della stessa e trascinarla da destra a sinistra, non farà più parte del tuo gruppo competitor.

  • Statistiche delle vendite

La sezione di Analytics chiamata Statistiche delle vendite fornisce informazioni sui dati storici cioè su prenotazioni passate e già usufruite. Dal menu clicca AnalyticsStatistiche delle vendite (fig.182)

fig.182: sezione per visualizzare le prenotazioni passate

Nella pagina che si apre vedrai statistiche sotto forma di grafici e tabelle. Seleziona innanzitutto in alto a destra il periodo nel passato che vuoi controllare (esempio dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019) e in alto a sinistra la modalità di visualizzazione dei dati (giorni, settimane o mesi): cliccando si apre una finestra, scegli ad esempio Mesi. Subito sotto clicca il primo tab Nessuno, in questo modo vedrai solamente i tuoi dati di vendita in un certo periodo. Infine clicca il bottone Applica a destra delle date selezionate (fig.183)

fig.183: scelta di visualizzazione dati

Vedrai i tuoi dati raggruppati, in questo caso, per mesi dell’anno e in particolare: numero di notti realizzate al mese, ricavi mensili e tariffa media di vendita mensile. Nel grafico saranno visualizzati istogrammi in blu che corrispondono al numero di notti per mese, mentre la curva arancione si riferisce alla tariffa media. E nella tabella sottostante vedrai la quantità di Notti vendute, i Ricavi notti e la Tariffa media giornaliera in euro (fig.184)

fig.184: vendita in un determinato periodo di tempo raggruppata per mesi dell’anno

Nella stessa pagina, subito sotto, potrai anche vedere gli stessi dati ma suddivisi per tipologia di camera e tariffa (non più per mesi), dunque con informazioni aggiuntive rispetto alle precedenti (fig.185)

fig.185: dati di vendita per tipologia di camera e tipologia di tariffa

Queste informazioni ti permetteranno di capire quali tipologie hai venduto di più rispetto ad altre e quali tariffe sono più efficaci; e ti aiuteranno nella scelta delle tipologie su cui puoi spingere la vendita, ad esempio tramite un’offerta o altre azioni.

Cliccando in alto il secondo tab Anno precedente, puoi vedere le stesse informazioni iniziali, ma confrontate con l’anno passato (in questo caso il 2019 confrontato con il 2018) e sapere a colpo d’occhio se la tua vendita è migliorata o peggiorata da un anno all’altro. Nel grafico gli istogrammi blu rappresentano il numero di notti dell’anno scelto e gli istogrammi grigi le notti dell’anno precedente. La curva arancione è la tariffa media del dell’anno scelto e la curva grigia è la tariffa media dell’anno passato. Nella tabella sottostante i dati del periodo scelto sono colorati: in rosso se il dato è negativo rispetto all’anno precedente, in verde se il dato è positivo; mentre i dati dell’anno precedente sono grigio chiari. Oltre al dato numerico puoi vedere anche la percentuale di miglioramento (in verde) o peggioramento (in rosso); esempio a giugno 2019 sono state vendute 189 notti mentre a giugno 2018 160, dunque nel 2019 è stato realizzato il 18,1% in più di notti, il ricavo mensile è aumentato del 17,4% (da 11.615,15 euro nel 2018 a 13.641,36 euro nel 2019) e la tariffa media giornaliera si è leggermente abbassata: -0,6% (da 72,59 euro a 72,18 euro)(fig.186)

fig.186: confronto tra un periodo passato e quello precedente

Infine puoi confrontare i tuoi dati storici con i dati storici dei 10 concorrenti che hai precedentemente scelto nella Lista Competitor. Clicca il terzo tab: Lista competitor. Anche in questo caso vedrai il numero di notti realizzate al mese, ricavi mensili e tariffa media di vendita mensile, confrontata con le stesse informazioni relative ai tuoi concorrenti. Se i tuoi dati sono migliorati rispetto a quelli dei concorrenti li vedrai di colore verde, se sono peggiorati di rosso e in grigio se sono rimasti invariati. Prendiamo ad esempio il mese di febbraio 2019: il numero di notti vendute è 166; il numero subito sotto a sinistra (3) è il tuo ranking rispetto ai 10 competitor selezionati, in questo caso la struttura è la terza per numero di notti su 11 strutture; il numero a destra (2) si riferisce al miglioramento in termini di notti vendute rispetto ai 10 concorrenti, in questo caso la seconda struttura su 11 ad essere migliorata dall’anno precedente. Allo stesso modo leggi i dati riferiti ai Ricavi notti e alla Tariffa media giornaliera (fig.187)

fig.187: confronto con le strutture concorrenti

Passando con il mouse su un mese specifico, è possibile visualizzare inoltre la tua tariffa media rispetto alla tariffa media dei competitor. Ad esempio a febbraio 2019 la tariffa media della struttura è stata pari a 70,33 euro, mentre quella dei concorrenti a 71,20 euro (fig.188)

fig.188: confronto tariffa media mensile

Infine puoi fare i medesimi confronti rispetto ai Competitor diretti cliccando il tab Competitor diretti (fig.189), e rispetto alMercato cliccando il tab Mercato (fig.190)

fig.189

fig.190

  • Report sull’andamento

E’ possibile visualizzare le stesse informazioni (dati e confronti) non solo per analizzare la performance di un periodo passato, ma, cosa molto interessante, anche per monitorare il periodo corrente ovvero l’andamento delle prenotazioni dal giorno dell’analisi per il periodo futuro. Dal menu clicca AnalyticsReport sull’andamento (fig.191)

fig.191: sezione dati anno corrente

Automaticamente il sistema ti mostrerà i dati da oggi in avanti; anche in questo caso puoi scegliere quanti giorni visualizzare cliccando la finestra dedicata, ad esempio 365 giorni e la modalità di visualizzazione, ad esempio Mesi (fig.192)

fig.192

Utilizzando i tab, come illustrato nelle statistiche precedenti, puoi analizzare l’andamento della tua vendita in termini di camere vendute, ricavi e tariffa media giornaliera e confrontarlo con l’anno passato e con i concorrenti. Tutte queste informazioni ti saranno di grande aiuto per sapere a colpo d’occhio quali periodi dell’anno hanno andamento positivo e quali invece sono in peggioramento, dunque potrai intervenire con anticipo sulla performance dei mesi futuri, attivando offerte e azioni idonee.

  • Informazioni sugli ospiti

La sezione Informazioni sugli ospiti di Analytics fornisce informazioni sul tipo di clientela che ha prenotato la tua struttura. Raccoglie alcune informazioni sui clienti che ti permettono di conoscerne alcune caratteristiche; la prima è il paese di provenienza. Clicca AnalyticsInformazioni sugli ospiti (fig.193)

fig.193: sezione Informazioni sugli ospiti

Dalla finestra Vedi in alto a sinistra seleziona il dato che vuoi monitorare cioè la provenienza, cliccando la freccetta e selezionando Paese/territorio (fig.194)

Fig. 194: selezione prenotazioni per provenienza

Scegli il periodo cliccando subito sotto a destra sulla freccina dei giorni, in questo caso 365 giorni, per vedere tutte le prenotazioni per paese di provenienza effettuate negli ultimi 365 giorni e clicca il tab Nessuno (fig.195)

fig.195: selezione visualizzazione dati

Visualizzerai gli istogrammi che indicano la percentuale delle prenotazioni in base al paese di provenienza dell’ospite. In questo esempio il primo paese è l’Italia con un 32,2% di prenotazioni, il secondo subito dopo l’Italia è la Germania con un 10,5% e cosi via. Il termine Altro raggruppa tutti i paesi con percentuale di prenotazione non troppo significativa(fig.196)

fig.196: distribuzione prenotazioni per Paese/territorio

Subito sotto potrai leggere in maniera più approfondita questi dati con il dettaglio di tutti i paesi e una serie di informazioni relative a ciascuno di essi: oltre alla percentuale di prenotazione è indicata la tariffa media giornaliera per paese, la durata media del soggiorno, la percentuale di cancellazione e il periodo di prenotazione medio. In questo esempio le prenotazioni dall’Italia incidono sulle prenotazioni totali (entrate negli ultimi 365 giorni) per un 32,19%, la tariffa media di vendita è pari a 95,86 euro, il soggiorno medio è tra una e due notti (1,76), la percentuale di cancellazione è pari a 28,21% e il periodo di prenotazione è in media di 16,3 giorni di anticipo rispetto al giorno di arrivo (fig.197)

fig.197: dettaglio prenotazioni per provenienza

In fondo alla pagina trovi un’ultima modalità di visualizzazione di questi dati attraverso istogrammi colorati, dove ogni colore si riferisce a un paese specifico (vedi indice sotto) e riporta la percentuale di prenotazioni per periodo di prenotazione. Ad esempio a giugno 2020 sono stati prenotati soggiorni dai seguenti paesi: 13% dalla Germania, 34% dalla Francia, 25% dal Regno Unito, 23% dall’Italia, e in bassa percentuale da altri paesi non specificati (fig.198)

fig.198: prenotazioni per paese e per periodo

Leggere questi dati può essere molto utile per definire azioni e promozioni ad hoc per determinati paesi: ad esempio individuando i paesi con percentuale di prenotazione più bassa, puoi valutare se attivare un’offerta geolocalizza e in quale periodo dell’anno accenderla e non necessariamente limitatamente a Booking.com.

Tornando in alto sulla stessa pagina e cliccando il tab Anno precedente (fig.199), è possibile visualizzare gli stessi dati confrontati con l’anno passato.

fig.199: visualizzazione prenotazioni per paese confrontate con l’anno passato

Vedrai gli istogrammi per Paese: il colore blu si riferisce (in questo caso) alle prenotazioni entrate negli ultimi 365 giorni, il colore grigio allo stesso periodo dell’anno passato. In questo esempio le prenotazioni provenienti dall’Italia sono aumentate: 32,5% nel periodo scelto contro il 23,8% dell’anno precedente (fig.200)

fig.200: percentuale per paese confrontata con l’anno precedente

Scorrendo la pagina, anche qui troverai il dettaglio delle prenotazioni per paese con tariffa media giornaliera, durata media del soggiorno, percentuale di cancellazione e periodo di prenotazione medio, ma confrontata con l’anno precedente. I dati color nero si riferiscono alle prenotazioni entrate nel periodo scelto, i dati color grigio chiaro allo stesso periodo nell’anno passato. In questo esempio le prenotazioni provenienti dalla Germania sono diminuite (10,4% nell’ultimo periodo contro 16,42% nell’anno passato); la tariffa media di vendita è diminuita (94,58 euro contro 112,75 euro); la durata del soggiorno medio è diminuita (2,67 giorni contro 3,64 giorni), le cancellazioni sono aumentate (58,49% contro il 28,82%) e il periodo di prenotazione è leggermente aumentato (108,58 giorni contro 102,68 giorni) (fig.201)

fig.201: dettaglio prenotazioni per paese confrontato con l’anno precedente

In fondo alla pagina visualizzerai gli istogrammi colorati per paese (vedi indice in basso) e raggruppati per periodo di prenotazione, dove la prima colonna si riferisce alle prenotazioni effettuate nel periodo scelto e la seconda allo stesso periodo nell’anno precedente (fig.202)

fig.202: prenotazioni per paese e periodo di prenotazione confrontate con l’anno precedente

E’ inoltre possibile confrontare le proprie prenotazioni per Paese con quelle dei concorrenti. All’inizio della pagina clicca il tab Lista Competitor (fig.203)

fig.203

Gli istogrammi blu si riferiscono alle percentuali della propria struttura, mentre quelli grigi chiari si riferiscono alle percentuali delle strutture concorrenti (in media) (fig.204)

fig.204: percentuale prenotazioni per paese confrontato con la Lista Competitor

Scorrendo la pagina vedrai sempre il dettaglio delle prenotazioni per paese: i dati color nero si riferiscono alla tua struttura, i dati in grigio alla media della Lista competitor (fig.205)

fig.205: dettaglio prenotazioni per paese confrontato con i tuoi concorrenti

Infine controlla i dati delle prenotazioni per Paese per periodo di prenotazione, confrontati con i concorrenti. La prima colonna si riferisce alla tua struttura, la seconda alla media delle strutture concorrenti (vedi indice colori in fondo) (fig.206)

fig.206: prenotazioni per paese e periodo di prenotazione confrontate con i tuoi concorrenti

Infine potrai visualizzare le stesse informazioni anche rispetto ai Competitor diretti cliccando il tab dedicato (fig.207) e rispetto al Mercato (fig.208)

fig. 207

fig.208

Il secondo tipo di informazione sugli ospiti che è possibile analizzare per profilare la tua clientela è quella relativa al motivo del soggiorno. Nel momento in cui il cliente fa una prenotazione tramite Booking può specificare il motivo della sua prenotazione; questo dato diventa un’informazione importante per individuare la principale tipologia di clientela che prenota la tua struttura.

Torna all’inizio della pagina, in alto a sinistra alla voce Vedi clicca sulla freccina e seleziona Motivo del viaggio (fig.209)

fig.209

Clicca il primo tab Nessuno. Vedrai i dati relativi alle prenotazioni entrate negli ultimi 365 giorni raggruppati appunto per motivo del viaggio. Gli istogrammi blu indicano la percentuale delle prenotazioni in base al motivo del viaggio (Svago, Lavoro o Non specificato). La tabella sottostante mostra, oltre alla percentuale, anche la tariffa media giornaliera, la durata media del soggiorno, la percentuale di cancellazioni e il periodo di prenotazione medio, in base al motivo del soggiorno. In questo caso la struttura ha una maggioranza di clientela leisure, poiché il 51,3% dei suoi clienti ha selezionata Svago come motivo del viaggio, il 29% ha selezionato Lavoro e il 19,7% non ha specificato la motivazione della sua prenotazione (fig.210)

fig.210: prenotazioni per motivo del soggiorno

Subito sotto la tabella mostra i dati raggruppati per periodo di prenotazione (fig.211)

fig.211: prenotazioni in base al motivo del viaggio per periodo di prenotazione

Se vuoi confrontare queste prenotazioni con quelle dell’anno passato clicca il tab Anno precedente. Gli istogrammi blu indicano la percentuale di prenotazioni nel periodo scelto e gli istogrammi grigi indicano la percentuale di prenotazioni effettuate nello stesso periodo dell’anno precedente. E nella tabella sottostante anche in questo caso vedi il dettaglio; i dati in nero si riferiscono al periodo scelto, quelli in grigio all’anno precedente (fig. 212)

fig.212: dettaglio prenotazione per motivo del viaggio confrontato con l’anno precedente

E infine la tabella con gli stessi dati raggruppati per periodo di prenotazione. La prima colonna indica il periodo scelto, la seconda il periodo precedente (vedi indice sotto) (fig.213)

fig.213: prenotazioni per periodo di prenotazione confrontate con l’anno precedente

Un ulteriore utile confronto che puoi fare è quello rispetto ai tuoi concorrenti.; clicca il tab Lista competitor. Gli istogrammi blu indicano la percentuale di prenotazioni della tua struttura e gli istogrammi grigi indicano la percentuale di prenotazioni dei tuoi concorrenti. Nel dettaglio sottostante i dati in nero si riferiscono alla tua struttura, quelli in grigio alla media dei concorrenti (fig.214)

fig.214: dettaglio prenotazione per motivo del viaggio confrontato con i concorrenti

E la tabella con gli stessi dati raggruppati per periodo di prenotazione: la prima colonna si riferisce alla propria struttura, la seconda alla media dei concorrenti (fig.215)

fig.215: prenotazioni per periodo di prenotazione confrontate con i concorrenti

Infine puoi utilizzare anche in questa sezione il tab Competitor diretti e Mercato.

Le informazioni ottenute da queste analisi ti permettono di capire a quale tipo di clientela rivolgerti e che tipo di azioni mettere in atto. Se ad esempio vuoi aumentare le prenotazioni di coloro che viaggiano per lavoro, quindi della clientela business, potresti attivare una tariffa dedicata, come la tariffa Genius Business se sei una struttura Genius (dettaglio tariffa al Capitolo 2)

L’ultima analisi che puoi fare in questa sezione è relativa al dispositivo utilizzato dai clienti per la prenotazione (Computer, Smartphone o Tablet). Torna all’inizio della pagina e clicca la freccetta sotto la voce Vedi; dalla finestra che si apre clicca Dispositivo (fig.216)

fig.216

Clicca il primo tab Nessuno e visualizzerai gli istogrammi con la percentuale di soggiorni raggruppati per dispositivo con cui è stata effettuata la prenotazione. E subito sotto la tabella con le informazioni dettagliate. In questo caso la struttura ha ricevuto la maggior parte delle sue prenotazioni (il 57,8%) da computer (fig.217)

fig.217: soggiorni in base al tipo di dispositivo utilizzato per la prenotazione

E la tabella con i dati per dispositivo raggruppati per periodo di prenotazione (fig.218)

fig.218

Anche qui è interessante confrontare le informazioni con l’anno precedente cliccando il tab dedicato Anno precedente; come per le altre sezioni il colore blu e i dati in nero si riferiscono al periodo scelto e il colore grigio e i dati grigi si riferiscono allo stesso periodo dell’anno passato (fig.219). E nell’ultima tabella la prima colonna si riferisce al periodo scelto e la seconda all’anno passato (fig.220)

fig. 219

fig. 220

In ultima analisi confronta i dati con quelli dei concorrenti cliccando Lista Competitor: il colore blu e i dati in nero si riferiscono alla tua struttura; il colore grigio e i dati grigi si riferiscono alla media dei tuoi concorrenti (fig.221). In questo caso la struttura riceve più prenotazioni da computer rispetto alla media dei suoi concorrenti, ma meno da smartphone. Nell’ultima tabella la prima colonna si riferisce alla tua struttura e la seconda alla media dei tuoi concorrenti (fig.222)

fig.221

fig.222

Infine puoi approfondire ulteriormente confrontato anche con i Competitor diretti e con il Mercato.

  • Informazioni sul periodo di prenotazione

La sezione Informazioni sul periodo di prenotazione di Analytics fornisce ulteriori interessanti dati, nello specifico relativi alla finestra di prenotazione cioè a quanto tempo prima dell’arrivo gli ospiti prenotano il soggiorno. Clicca AnalyticsInformazioni sul periodo di prenotazione (fig.223)

fig.223

Scegli il periodo desiderato cliccando sulla freccetta verso il basso, in questo esempio 365 giorni: comprende tutte le prenotazioni con check in negli ultimi 365 giorni (fig.224)

fig.224: selezione del periodo da analizzare

Cliccando il primo tab Nessuno, vedrai a sinistra gli istogrammi blu che si riferiscono alla percentuale di prenotazioni raggruppate per finestra di prenotazione: da 0 a 1 giorno (last second), da 2 a 3 giorni (last minute) da 4 a 7 giorni e così via. Mentre a destra gli istogrammi arancioni riportano la tariffa media giornaliera in base alla finestra di prenotazione (fig.225)

fig.225: prenotazioni e tariffa giornaliera raggruppate per finestra di prenotazione

Subito sotto puoi selezionare alcune informazioni specifiche. Clicca la prima freccia, si aprirà una finestra con alcune opzioni; scegli ad esempio Prenotazioni (fig.226). Poi clicca la seconda freccina a destra e scegli la finestra di prenotazione che vuoi analizzare; ad esempio da 15 a 30 giorni prima del check-in (fig.227)

fig.226

fig.227

Vedrai riportati questi dati in un grafico dove la curva indica la percentuale di prenotazioni, per periodo di soggiorno, prenotate con un anticipo che va da 15 a 30 giorni prima dell’arrivo (fig.228)

fig.228: prenotazioni per periodo effettuate 15-30 giorni dell’arrivo

Selezionando dalle finestre (fig.236-237) le varie opzioni, è possibile visualizzare e analizzare una serie di dati e informazioni (tariffa media giornaliera, cancellazioni, durata media del soggiorno) in base a finestre di prenotazione diverse.

Anche in questa sezione puoi vedere il confronto con l’anno passato cliccando il tab Anno precedente. Ora vedrai la percentuale di soggiorni per finestra di prenotazione confrontati con gli stessi dati nell’anno precedente: in particolare a sinistra gli istogrammi blu indicano la percentuale di soggiorni per finestra di prenotazione nel periodo scelto e gli istogrammi grigi lo stesso periodo nell’anno precedente. A destra gli istogrammi arancioni indicano la tariffa media in base alla finestra di prenotazione nel periodo scelto, mentre gli istogrammi grigi indicano la tariffa media per finestra di prenotazione nell’anno precedente (fig.229)

fig.229: soggiorni e tariffa media per finestra di prenotazione confrontati con l’anno precedente

Poi seleziona le informazioni sottostanti per visualizzare il grafico con i dati che ti interessa analizzare, ad esempio la Tariffa media giornaliera delle prenotazioni effettuate tra 4 -7 giorni prima dell’arrivo. La curva blu scura indica la tariffa media giornaliera, per periodo, delle prenotazioni entrate con 4-7 giorni di anticipo; la curva azzurra indica la tariffa media giornaliera delle prenotazioni entrate con 4-7 giorni di anticipo nello stesso periodo dell’anno precedente (fig.230)

fig.230

Infine confronta le informazioni sulla finestra di prenotazione anche rispetto ai tuoi concorrenti. Clicca il tab Lista competitor: a sinistra gli istogrammi blu indicano la percentuale per finestra di prenotazione della tua struttura e gli istogrammi grigi la percentuale per finestra di prenotazione dei tuoi concorrenti. A destra gli istogrammi arancioni indicano la tariffa media della tua struttura, mentre gli istogrammi grigi indicano la tariffa media dei tuoi concorrenti (fig.231)

fig.231: soggiorni per finestra di prenotazione confrontati con i concorrenti

E seleziona le informazioni sottostanti che vuoi visualizzare sul grafico per confrontarle con i concorrenti, ad esempio la Durata media del soggiorno delle prenotazioni effettuate con un anticipo di 31-60 giorni. La curva blu scura si riferisce alla media soggiorni della tua struttura, mentre la curva azzurra alla media dei tuoi concorrenti (fig.242)

fig.232: durata media dei soggiorni per prenotazioni entrate con 31-60 giorni di anticipo confrontata con i concorrenti

Anche in questo caso puoi fare un confronto non solo rispetto alla tua Lista competitor, ma anche rispetto ai Competitor diretti e al Mercato (cliccando i tab dedicati).

  • Caratteristiche delle cancellazioni

E’ possibile effettuare anche un’analisi sulle cancellazioni ricevute quindi controllarne il trend. Clicca Analytics Caratteristichedelle cancellazioni (fig.233)

fig.233: sezione cancellazioni ricevute

Scegli il periodo (esempio ultimi 365 giorni) e clicca il tab Nessuno

I primi dati a partire da sinistra riportano le percentuali, in base alla finestra di prenotazione, delle prenotazioni confermate (colore verde), delle prenotazioni cancellate (colore blu) e dei no show (colore arancione) e sulla destra viene mostrata la tariffa media giornaliera relativa alla finestra di prenotazione (fig.234)

fig.234: prenotazioni e cancellazioni in base alla finestra di prenotazione

Per visualizzare tutte le percentuali passa col mouse sopra le prenotazioni e si allargherà la visualizzazione (fig.235)

fig.235

Mentre nella parte destra vedrai la percentuale di cancellazioni suddivise per i giorni che mancano all’arrivo; in questo esempio le cancellazioni last second, quindi tra 0 e 1 giorno dall’arrivo, rappresentano l’1,2% delle cancellazioni (fig.236)

fig.236: percentuale di cancellazioni prima dell’arrivo

Infine il grafico in fondo mostra la percentuale di cancellazioni in base al periodo dell’anno (fig.237)

fig.237: media cancellazioni per mese

Puoi confrontare le informazioni sulle cancellazioni con l’anno precedente; clicca il tab Anno precedente. Le prenotazioni, no show e cancellazioni sono mostrate nello stesso modo, ma i colori più accesi si riferiscono al periodo scelto, mentre i colori sottostanti più chiari si riferiscono allo stesso periodo dell’anno precedente. Così come la tariffa media giornaliera: la prima più scura si riferisce al periodo scelto, la seconda al periodo precedente (fig. 238)

fig.238: prenotazioni e cancellazioni per finestra di prenotazione confrontate con l’anno precedente

A destra le cancellazioni suddivise in base ai giorni che precedono il check-in sono in blu scuro e le cancellazioni con le stesse caratteristiche dell’anno precedente sono in azzurro (fig.239)

fig.239: cancellazioni prima del check-in confrontate con l’anno precedente

Infine nel grafico la curva blu indica le cancellazioni per periodo e la curva grigia le cancellazioni per periodo nell’anno precedente (fig.240)

fig.240: cancellazioni per periodo confrontate con l’anno precedente

Puoi confrontare infine con la Lista competitor, i Competitor diretti e il Mercato, cliccando i tab dedicati. I dati si visualizzeranno come nella sezione Anno precedente, ma in questo caso i colori più chiari si riferiranno ai concorrenti.

Conoscere le caratteristiche delle cancellazioni può essere d’aiuto per capire in quale periodo si concentra il maggior numero di cancellazioni, con quanto anticipo i tuoi clienti cancellano e se il trend è diverso rispetto al passato o rispetto ai concorrenti. Questo ti permetterà di prendere decisioni in merito alle tariffe o promozioni da attivare: ad esempio potrebbe essere utile creare una tariffa scontata non rimborsabile per diminuire il numero delle cancellazioni e la stessa potrebbe avere validità solo per chi prenota in anticipo, se ad esempio hai pochissime cancellazioni da clienti che prenotano sotto data e un numero più elevato da chi prenota anticipatamente.

  • Dashboard posizione sul sito

La Dashboard posizione sul sito fornisce informazioni relative alla tua posizione in pagina pubblica, alle visualizzazioni e alle conversioni (visualizzazioni divenute prenotazioni). Clicca AnalyticsDashboard posizione sul sito (fig.241)

fig.241

La pagina, nella parte sinistra, ha 3 sezioni; la prima riporta il dato di visualizzazioni e prenotazioni ottenute negli ultimi 90 giorni e il periodo non può essere modificato. Le Visualizzazioni nei risultati di ricerca è il numero delle volte in cui l’utente ha visto la tua struttura tra i risultati di ricerca in pagina pubblica; la Visualizzazione della tua pagina è il numero delle volte in cui l’utente ha visualizzato la scheda della tua struttura; e infine le Prenotazioni ottenute. E vedrai la percentuale delle visualizzazioni della tua struttura che si sono trasformate in visualizzazioni della tua scheda hotel; e la percentuale di queste ultime che si è trasformata in prenotazione. In questo esempio il 6,90% di visualizzazioni nei risultati di ricerca si è trasformato in visualizzazioni della scheda hotel e il 3,32% di queste sono divenute prenotazioni (fig.242)

fig.242: visualizzazione della struttura che si trasformano in prenotazioni

Nella seconda sezione vedrai il tuo punteggio nei risultati di ricerca, cioè la tua posizione in pagina pubblica rispetto a tutti gli hotel della tua città e tutti i fattori che determinano questo posizionamento (fig.243)

fig.243

In riferimento alla figura 243, le informazioni devono essere lette nel modo seguente:

1 – Il tuo Punteggio nei Risultati di Ricerca: si tratta del posizionamento della struttura in pagina pubblica rispetto agli hotel nella stessa città. In questo esempio su 175 strutture disponibili su Booking, l’hotel è al 13° posto. Subito a seguire i fattori che determinano questo posizionamento:

2 – Conversion: la prima percentuale si riferisce alle visualizzazioni della scheda della tua struttura negli ultimi 90 giorni che si sono convertite in prenotazioni; la seconda percentuale (subito sotto) si riferisce alla stessa informazione ma relativa alla media strutture della tua stessa zona. Se la tua percentuale è superiore il dato è colore verde (dato positivo), se è inferiore, il dato sarà rosso (dato negativo)

3 – Tariffa media giornaliera: il primo dato in euro è la tua tariffa media di vendita, mentre il secondo la tariffa media delle strutture della tua zona. Se la tua tariffa è superiore il dato è colore verde, se è inferiore, il dato sarà rosso.

4 – Cancellazioni: la prima percentuale si riferisce alle tue cancellazioni negli ultimi 90 giorni e la seconda a quella dei tuoi concorrenti. In questo caso se la tua percentuale è più alta il colore è rosso perché il dato è negativo.

5 – Punteggio Giudizi: il primo è il tuo punteggio medio dato da tutte le recensioni lasciate dagli ospiti, il secondo il punteggio medio dei concorrenti.

6 – Punteggio Qualità Prezzi: si riferisce ai prezzi di vendita su Booking rispetto agli altri canali. Più i prezzi su Booking sono allineati o migliori di quelli presenti su altri canali più il tuo punteggio è alto. Viceversa se hai tariffe più competitive su altri canali il tuo Punteggio Qualità Prezzi sarà basso. Anche qui vedi il confronto con i concorrenti.

7 – Punteggio Pagina della Struttura: è il punteggio assegnato in base alla completezza dei contenuti dl tuo profilo hotel, ovvero informazioni e foto (rif. Capitolo 1), confrontato col punteggio della media dei tuoi concorrenti.

8 – Punteggio risposte: la percentuale si riferisce alla velocità con cui rispondi alle domande degli ospiti che hanno prenotato, confrontato con quella dei tuoi concorrenti.

La terza sezione mostra gli stessi dati della prima sezione ma in questo caso puoi scegliere il periodo: gli ultimi 30 giorni, oppure gli ultimi 90 giorni, o infine gli ultimi 365 giorni e li confronta con gli stessi dati nello stesso periodo dell’anno scorso. Se accanto ai numeri c’è una freccia rossa verso il basso significa che la percentuale è diminuita rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente; se la freccia è verde e verso l’alto significa che la percentuale è aumentata. Scegli il periodo, esempio ultimi 30 giorni (fig.244)

fig.244: miglioramento o peggioramento rispetto all’anno precedente

Passando con il mouse sul punto interrogativo in corrispondenza del dato che vuoi analizzare (ad esempio Visualizzazioni risultati di ricerca) vedrai il dettaglio della percentuale rispetto all’anno precedente (fig.245)

fig.245

Infine cliccando Confronta con lo stesso periodo dell’anno scorso subito sotto il periodo scelto, vedrai gli stessi dati in un grafico, dove gli istogrammi azzurri si riferiscono all’anno in corso e gli istogrammi blu all’anno passato (fig.246)

fig.246: grafico con confronto tra i due anni

Infine, nella parte destra della pagina, potrai vedere il tuo posizionamento rispetto alla tua Lista Competitor; in particolare la tua posizione, il punteggio giudizi, l’appartenenza o meno al programma Preferiti e al Programma Genius, della tua struttura e dei concorrenti (fig.247)

fig.247

  • Dashboard Performance Prezzi

La Dashboard Performance Prezzi è un punteggio che ti assegna Booking in base ad un suo monitoraggio della parità tariffaria con altri canali di vendita on line, in particolare rispetto ai canali in cui riscontra tariffe più convenienti. A prescindere dalla tipologia di camera, il prezzo che viene confrontato è il più basso che trova tra le tipologie disponibili. Minori sono le differenze con altri canali, maggiore sarà il punteggio. Attenzione! Il punteggio deve essere uguale o superiore a 70%, altrimenti Booking potrebbe abbassare il prezzo in pagina pubblica e allinearlo a quello più basso trovato online (solo nel caso in cui si tratta della stessa tipologia). Questa scansione prezzi viene fatta periodicamente, dunque il punteggio potrebbe variare.

Clicca AnalyticsDashboard Performance Prezzi (fig. 248)

fig. 248

In questo esempio il punteggio è 85 su 100 e sul grafico puoi vedere come oscilla in base ai giorni (fig.249)

fig.249

Scorrendo la pagina trovi l’elenco dei canali nei quali sono state trovate tariffe più basse, con indicato gli esempi cioè il numero di date dove c’è disparità tariffaria e la percentuale di differenza di prezzo (più economico della media). In questo esempio su Hotels.com ci sono 4 date in cui il prezzo è più basso del 13% rispetto a Booking (fig.250).

fig.250

Infine, cliccando in corrispondenza della freccia verso il basso per ciascun canale puoi vedere il dettaglio della differenza tariffaria con informazioni aggiuntive: giorno di check in cui è stata riscontrata la discrepanza, numero di notti, tipo di dispositivo e paese di provenienza (esempio Hotels.com) (fig.251-252)

fig.251

fig.252

  • Report su Genius

Se sei una struttura Genius, cioè hai aderito al Programma dedicato (dettaglio al capitolo 2), puoi controllare i risultati ottenuti grazie al Programma. Clicca Analytics Report su Genius (fig.253)

fig. 253

Nel primo riquadro a sinistra Panoramica clienti Genius puoi vedere alcune caratteristiche delle prenotazioni effettuate dai clienti Genius: il prezzo medio per prenotazione (non al giorno ma a prenotazione), la percentuale di cancellazione, la durata media del soggiorno e la finestra di prenotazione. Clicca sulle freccette e seleziona il periodo, in questo esempio le prenotazioni effettuate negli ultimi 365 giorni (fig.254)

fig.254: prenotazioni effettuate dai clienti Genius

Il secondo riquadro a destra ti mostra la tipologia di cliente che ha prenotato; anche qui clicca il periodo interessato (esempio ultimi 365 giorni). Su un grafico a torta vedrai la percentuale di prenotazioni effettuate da clienti Genius che hanno prenotato camere con lo sconto Genius (colore arancione), le prenotazioni da clienti Genius che hanno prenotato camere senza sconto Genius (colore blu) e infine le prenotazioni dei clienti non Genius (colore grigio chiaro). Sotto il grafico vedrai gli stessi dati ma sotto forma di numero di prenotazioni. In questo esempio il maggior numero di prenotazioni sono state effettuate da clienti non Genius (fig.255)

fig.255

L’ultimo riquadro mostra le prenotazioni per tipo di cliente (vedi indice sotto) e per periodo dell’anno (fig.256)

fig.256

5. Strumenti per ottimizzare la vendita

  • Politiche di Cancellazione

Dopo aver creato le tipologie di camera e i piani tariffari ad esse associati, dovrai impostare la politica di cancellazione dei tuoi piani tariffari, cioè l’eventuale penale che vuoi applicare nel caso di cancellazione della prenotazione da parte del cliente. Nel momento in cui crei le camere, Booking di default attiva un piano tariffario con pernottamento e colazione e rimborsabile e tu puoi decidere i termini di cancellazione.

Vai al menu principale e clicca StrutturaCondizioni (fig.257)

fig.257: sezione per la creazione delle politiche di cancellazione

 

Clicca il bottone Crea una nuova condizione di cancellazione (fig.258)

fig.258

 Si aprirà un pop up con due proposte: cancellazione Super flessibile: il cliente può cancellare in qualsiasi momento dopo la prenotazione (anche il giorno dell’arrivo) e cancellazione Personalizzata. Supponiamo di voler creare una politica di cancellazione personalizzata con la seguente condizione: il cliente può cancellare gratuitamente fino a 3 giorni prima dell’arrivo; per cancellazioni tardive (nei 3 giorni prima dell’arrivo) pagherà una penale pari al 50% dell’intero importo del soggiorno; se non si presenta (no show) dovrà pagare l’intero importo. In questo caso clicca il tab Scegli le opzioni in corrispondenza della cancellazione Personalizzata (fig.259)

fig.259: politica di cancellazione personalizzata

Come prima cosa specifica se c’è un periodo entro il quale il cliente può cancellare gratuitamente: scegli Si (fig.260)

fig.260

 Una volta cliccato Si si apre una nuova voce: Entro quando prima dell’arrivo il cliente può cancellare gratuitamente? Clicca la freccetta verso il basso e seleziona il periodo scelto, in questo caso 3 giorni prima dell’arrivo (fig.261)

fig.261: periodo entro il quale il cliente può cancellare gratuitamente

Di seguito seleziona la penale che verrà addebitata se il cliente cancella nei 3 giorni prima dell’arrivo, in questo caso 50% dell’intero importo (fig.262)

fig.262: selezione della penale in caso di cancellazione tardiva

Successivamente il sistema chiederà la penale in caso di no show: nel nostro esempio clicca il 100% del costo totale (fig.263)

fig.263: selezione della penale in caso di mancata presentazione

 

Infine dovrai specificare se vuoi prelevare i soldi prima dell’arrivo. In questo caso dato che non si tratta di una tariffa prepagata clicca No e Salva tutte le informazioni inserite (fig.264)

fig.264

 

Una volta fatto vedrai il riepilogo della politica di cancellazione (fig.265) nella pagina iniziale Condizioni

fig.265: riepilogo della politica di cancellazione creata

La prima politica di cancellazione che crei sarà quella di default. In seguito potrai modificarla o crearne altre con condizioni di cancellazione diverse. Tieni presente che puoi attivare più di una politica di cancellazione rimborsabile; il consiglio è di impostare condizioni più restrittive in periodi di alta stagione/alta domanda per proteggere le prenotazioni e diminuire il rischio di cancellazione sotto data (ad esempio cancellazione gratuita fino a 7 giorni prima dell’arrivo con penale del 100% in  caso di cancellazioni tardive e no show) e condizioni più flessibili nei periodi di bassa stagione/bassa domanda, per incentivare le vendite e le prenotazioni anche lastminute (ad esempio cancellazione gratuita fino a 2 giorni prima dell’arrivo con penale della prima notte in  caso di cancellazioni tardive e no show).  Non è possibile impostare in autonomia i periodi da associare alle politiche di cancellazione, per farlo occorre inviare un messaggio all’assistenza di Booking.com.

Oltre alle politiche di cancellazione flessibile e cancellabile puoi creare una politica di cancellazione non rimborsabile. Il consiglio è di utilizzare questa condizione per le tariffe scontate rispetto alla tariffa flessibile: il cliente prenota un soggiorno con un prezzo più vantaggioso, ma la condizione dello sconto è la non rimborsabilità dell’importo. Per creare questa politica di cancellazione rimani nella pagina Condizioni (dal menu Struttura – Condizioni (fig.267)) e clicca il bottone Crea una nuova condizione di cancellazione (fig.268). Questa volta scegli l’opzione Non rimborsabile; alla domanda In caso di cancellazione, quanto viene addebitato al cliente? Scegli il 100% del costo totale e clicca il bottone Crea condizioni (fig.266). La condizione si salverà automaticamente in extranet.

Fig.266: creazione della politica di cancellazione non rimborsabile

Per associare la politica di cancellazione non rimborsabile alle camere che desideri (tutte o solo alcune) devi accedere alla sezione delle Tariffe (primo paragrafo del capitolo 3)

  • Pagamento on line

Nella stessa pagina delle Condizioni, scorrendo verso il basso, troverai la voce Opzioni per il pagamento dove puoi vedere le carte di credito che accetti a garanzia delle prenotazioni. (fig.267)

fig.267: riepilogo delle modalità di pagamento

Di default, per le prenotazioni flessibili di Booking, il pagamento avviene in hotel e la carta di credito è a garanzia della prenotazione. Esiste però anche la possibilità per il cliente di pagare direttamente Booking che a sua volta riconoscerà il netto commissioni all’hotel. Questo può essere un vantaggio per la struttura perché permette agli ospiti di pagare con carte di credito alternative a quelle accettate o effettuare pagamenti alternativi alla carta di credito, per esempio tramite Paypal. Queste prenotazioni inoltre offrono pagamenti sicuri e garantiti e hanno quattro volte meno probabilità di essere cancellate. Per accettare questo tipo di pagamenti clicca il tab Modifica (fig.268)

fig.268

Vedrai l’elenco delle carte di credito che accetti e nella parte inferiore, alla domanda Vuoi consentire ai tuoi ospiti di pagare in line? clicca Si e Salva (fig.269)

fig.269: attivazione del pagamento on line

  • Prenotazioni zero rischi

Se attivi la possibilità del pagamento on line, potrai anche utilizzare la funzione di Booking “Prenotazioni zero Rischi”. Attivando questa funzionalità, il canale farà apparire le tue tariffe non rimborsabili come cancellabili, poiché questo aumenta la possibilità di prenotazione da parte dell’utente. Ma Booking si impegna a garantire la prenotazione in caso di cancellazione cercando un ospite sostitutivo per le stesse date (poiché il soggiorno prenotato sarebbe stato non rimborsabile) e nel caso in cui non riuscisse a rivendere la camera, verrai rimborsato da Booking dell’importo corrispondente. Allo stesso tempo però tu dovrai garantire la disponibilità di quella tipologia di camera sul canale anche in seguito alla cancellazione. Per attivare la funzione vai al menu principale OpportunitàProgramma Prenotazioni Zero Rischi (fig.270)

fig.270

E clicca il bottone blu Attiva subito (fig.271)

fig.271: attivazione Programma Zero Rischi

Il programma si attiva immediatamente e lo troverai nella pagina Condizioni (fig.257). In fondo alla pagina puoi visualizzare il dettaglio (fig.272)

fig.272: visualizzazione del Programma attivo

In futuro, quando lo riterrai opportuno, potrai eliminare il programma: clicca il tab Vai (fig.273)

fig.273

Scorri la pagina fino in fondo e clicca il link uscire dal programma (fig.274)

fig.274

Puoi scegliere per quanto tempo abbandonare il Programma tra 1 mese, 2 mesi, 3 mesi o per sempre. Clicca per esempio Per sempre; il sistema ti chiederà il motivo della scelta, clicca sull’opzione che giustifica la tua scelta e Salva (fig.275)

fig.275: disattivazione del Programma Zero Rischi

Potrai comunque riattivarlo in futuro in qualsiasi momento.

  • Child Policy

Le tipologie di camera che hai creato inizialmente (Capitolo1) hanno un prezzo giornaliero a camera che comprende le persone indicate nella configurazione iniziale. Se una o più tipologie hanno la possibilità di ospitare anche un bambino con un prezzo aggiuntivo, su Booking è possibile specificarlo. Prendiamo ad esempio una camera che è stata configurata per 2 adulti ma che è composta da un letto matrimoniale e un lettino singolo che può essere adatto ad un bambino fino a 10 anni con un costo aggiuntivo di 30 euro. Nella sezione StrutturaCondizioni (fig.257), circa a metà della pagina trovi la voce Condizioni e tariffe per i bambini, clicca il bottone Modifica (fig.276)

fig.276: sezione tariffe per i bambini

Nella nuova pagina che si apre clicca il link Imposta l’occupazione e le tariffe per i bambini (fig.277)

fig.277

Nella camera interessata, in questo esempio la Camera Basic Matrimoniale, modifica l’occupazione aggiungendo 1 bambino alla voce N.max bambini (fig.278)

fig.278

L’Occupazione massima si modificherà automaticamente, in questo caso passerà 2 a 3 persone (fig.279)

fig.279

Scorri la pagina e clicca il link Aggiungi una tariffa (fig.280)

fig.280

Ora imposta il prezzo supplementare per il soggiorno dei bambini in base all’età, puoi inserire anche più fasce di età e prezzi diversi; ad esempio da 0 a 2 anni gratuito e da 3 a 10 anni un costo di 30,00 euro. Seleziona il range d’età (da 0 a 2) e il Prezzo, in questo caso Gratis, poi clicca Aggiungi un’altra tariffa (fig.281)

fig.281: prezzo in base alle fasce d’età

Seleziona ad esempio da 3 a 10 anni, e alla voce Prezzo seleziona EUR e digita 30 e infine scegli a bambino, a notte (fig.282)

fig.282

In fondo alla pagina a sinistra, sotto il riepilogo delle condizioni appena create, clicca Salva (fig.283)

fig.283

Da questo momento, ogni volta che il cliente seleziona un soggiorno per 2 adulti e 1 bambino con un’età compresa tra 3 e 10 anni, il sistema aggiungerà il costo del bambino al prezzo della camera doppia e il cliente vedrà il prezzo finale con il bambino già compreso.

  • Camera Flessibile

Booking ti dà la possibilità di gestire la vendita di soggiorni che prevedono uno o più cambi camera. Se per un periodo non hai disponibilità continuativa della stessa tipologia, ad esempio hai disponibile una camera Standard per una notte e la notte successiva solo una camera Superior, l’utente che fa una ricerca per 2 notti non troverà disponibile nessuna delle due tipologie. Per poter vendere queste camere anche per 2 notti puoi creare la Camera Flessibile. Non è possibile farlo direttamente da extranet, ma occorre inviare una richiesta all’assistenza indicando l’occupazione di base della nuova camera (in genere 2 persone). Booking creerà una camera, che sia chiama appunto Flessibile e alla quale verranno assegnate immagini standard, non associabili ad una tipologia in particolare (fig.284)

fig.284: visualizzazione in pagina pubblica della Camera Flessibile

La disponibilità e il prezzo della nuova camera si può gestire manualmente all’interno dell’extranet del portale oppure tramite il channel manager; in questo secondo caso occorre creare una camera ad hoc nel channel manager da collegare alla camera flessibile di Booking. Inserisci un minimum stay di almeno 2 notti: trattandosi di una tipologia che prevede almeno un cambio camera, la durata del soggiorno sarà sempre superiore a una notte. Il consiglio è di impostare un prezzo giornaliero inferiore (anche di poco) rispetto al prezzo giornaliero della camera per la singola notte: il cliente deve percepire la convenienza, poiché sta prenotando un soggiorno che potrebbe essere meno confortevole. Questa possibilità può aiutarti a riempire camere diverse che per singole notti sarebbe più difficile vendere.

  • Area Opportunità

Come abbiamo visto finora Booking.com non è solo un canale dove rendere visibile la propria struttura e vendere soggiorni, ma è anche uno strumento che permette di fare analisi e prendere decisioni strategiche per migliorare la propria performance, tramite l’attivazione di azioni ad hoc. In aggiunta a questo, il portale mette a disposizione una sezione che mette in evidenza i “punti deboli” e le eventuali azioni da implementare al fine di ottimizzare la vendita; si chiama Area Opportunità. Per accedervi dal menu principale clicca Opportunità Area Opportunità (fig.285)

fig.285: sezione Area Opportunità

Sulla parte sinistra della pagina compare un elenco di argomenti basati sull’andamento degli ultimi 30 giorni confrontato con quello delle strutture simili nella tua zona. A ciascun argomento è associato un colore: rosso se il dato è negativo, giallo se il dato non è negativo ma può essere migliorato, verde se il dato è positivo (fig.286)

fig.286: elenco argomenti e performance per ciascun argomento

Questo elenco offre in maniera molto rapida una panoramica degli argomenti su cui occorre lavorare per migliorarli; in questo esempio i punti più deboli sono due: le Visualizzazioni della pagina e le Cancellazioni (fig.286). Approfondiamo ad esempio l’argomento Cancellazioni cliccando sulla freccia a destra (fig.287)

fig.287

Vedrai il dettaglio delle cancellazioni negli ultimi 30 giorni confrontate con le strutture simili nella stessa zona. In questo caso il dato è negativo perché le cancellazioni della struttura (70%) superano in percentuale le cancellazioni delle strutture simili (55,6%) (fig.288)

fig.288: dettaglio percentuale cancellazioni confrontate con strutture simili

Subito di seguito il sistema consiglia le azioni da attivare per aiutarti a migliorare il dato negativo. In questo caso propone la creazione del piano tariffario per prenotazioni anticipate; potresti ad esempio creare una tariffa scontata non rimborsabile per prenotazioni anticipate (vedi Piani tariffari); in questo modo riuscirai a ridurre il numero di cancellazioni. Clicca il tab Approfittanese vuoi attivare subito il nuovo piano tariffario (fig.289). Il tab ti rimanderà direttamente alla sezione dedicata per la creazione del piano tariffario o della promozione consigliata.

fig.289: azione consigliata dal sistema

 

In questo esempio il secondo argomento che Booking segnala come negativo sono le Visualizzazioni della pagina. Clicca sull’argomento e sulla destra comparirà il dettaglio: le visualizzazioni della struttura negli ultimi 30 giorni sono inferiori (4,12%) rispetto alle visualizzazioni delle strutture simili (13,37%) (fig.290)

fig.290: dettaglio visualizzazioni della pagina confrontate con strutture simili

 

Questo significa che, a partire dalla ricerca sulla destinazione in pagina pubblica, un numero troppo basso di utenti clicca il profilo della tua struttura. Poiché Booking mostra, all’interno dell’elenco hotel, il prezzo più conveniente in base all’occupazione scelta, la causa potrebbe essere ad esempio un prezzo poco competitivo rispetto alle altre strutture. Se il prezzo che l’utente vede nell’immediato è troppo alto rispetto agli altri, potrebbe essere portato a optare per un’altra struttura. Se questo è il caso, il consiglio è quello di verificare i periodi in cui i tuoi prezzi sono fuori mercato e attivare promozioni ad hoc (vedi Promozioni) per il periodo interessato, sempre che tu ne abbia bisogno. Se i prezzi ad esempio sono più alti sotto data e la tua vendita ne sta risentendo, potresti attivare un’offerta Lastminute.

Un’altra causa di una bassa percentuale di visualizzazioni della pagina potrebbe essere, ad esempio, un’immagine principale del tuo profilo (la prima che viene vista dal cliente) poco attraente o poco rappresentativa, che non stimola l’interesse dell’utente. Verifica dunque che l’immagine principale (così come le altre) abbia le caratteristiche necessarie per essere veramente d’impatto (vedi Immagini della struttura e per tipologia di camera)

Il terzo argomento è la Tariffa media giornaliera; clicca sull’argomento e a destra comparirà il dettaglio: il colore è verde perché la tariffa (104,40 euro) è allineata e anzi superiore a quella delle strutture simili (101,38 euro) (fig.301). In particolare questi sono i prezzi medi giornalieri di vendita degli ultimi 30 giorni.

fig.291: prezzo medio di vendita confrontato con le strutture simili

Anche questa è un’indicazione importante. Supponiamo che il tuo hotel abbia un calo nelle vendite e la tariffa media giornaliera sia decisamente più alta rispetto a quella delle strutture concorrenti; la causa del calo potrebbe essere un prezzo non competitivo o comunque non in linea con il mercato. In questo caso potresti rivedere le tariffe abbassandole o attivare una promozione (vedi Promozioni) valida nel periodo in cui vuoi aumentare il tuo venduto. Attenzione però alle cancellazioni! Abbassando le tariffe potresti ricevere cancellazioni da parte di quei clienti che hanno già prenotato lo stesso periodo a prezzi più alti. Per evitare questa situazione la promozione potrebbe essere non rimborsabile (così da giustificare il prezzo più conveniente agli occhi dei clienti) o potrebbe essere un’offerta Super Segreta (vedi Promozioni) alla quale possono accedere non tutti gli utenti ma solo quelli che hanno un account personale di Booking.com.

Al contrario, se la tua tariffa media fosse troppo bassa rispetto alle strutture concorrenti, potresti rivedere le tariffe al rialzo per avvicinarti di più ai prezzi del mercato senza compromettere le prenotazioni e migliorare il tuo ricavo medio camera.

Il quarto argomento è la Durata del soggiorno. In questo esempio il dato è positivo perché il soggiorno medio è leggermente più lungo (3,70 giorni) rispetto alle strutture simili (3,15 giorni) (fig.292)

fig.292: durata media del soggiorno confrontata con le strutture simili

Se il tuo soggiorno medio fosse invece più corto rispetto alla media dei tuoi concorrenti, significa che sulla tua destinazione i soggiorni medi sono più lunghi rispetto a quelli della tua struttura, dunque non stai ottimizzando la vendita; potresti intercettare anche tu richieste di soggiorno più lungo, in special modo se si tratta di un periodo di alta stagione o di alta occupazione. In questo caso, in base al soggiorno medio delle strutture concorrenti, potresti inserire o aumentare i minimum stay, cioè le restrizioni sulla durata del soggiorno (ad esempio impostando un soggiorno minimo di 3 notti). In questo modo sarà possibile prenotare solo soggiorni di almeno 3 notti (non più corti). Al contrario, se il tuo soggiorno medio fosse inferiore rispetto agli altri, non fosse un periodo di alta stagione o l’occupazione fosse bassa, dovresti ridurre o eliminare i minimum stay (se presenti) e dare maggiore flessibilità alla vendita.

Il quinto argomento sono le Conversion ossia la percentuale di visualizzazioni della struttura che si trasformano in prenotazioni. In questo esempio il dato è positivo (1,79% rispetto l’1,25% delle altre strutture) (fig.293)

fig.293: percentuale di conversione confrontata con le strutture simili

Se la tua Conversion fosse peggiore rispetto a quella dei concorrenti significa che, a parità di visualizzazioni del profilo struttura, i tuoi concorrenti ricevono un maggior numero di prenotazioni. Prova dunque ad approfondire il motivo di questa differenza: per esempio potrebbe essere un problema di prezzo non in linea con il valore percepito; potrebbe dipendere ad esempio dalla mancanza di determinati servizi rispetto agli altri o da un giudizio medio delle recensioni più basso a parità di prezzo; in questo caso fai un controllo delle singole recensioni con particolare attenzione ai giudizi divisi per categoria (servizi) confrontati con la Lista competitor (vedi Reputazione: giudizi ed esperienza degli ospiti) per capire a colpo d’occhio quali aspetti i tuoi clienti gradiscono meno.

Il sesto argomento è il Ranking ossia la percentuale in cui gli utenti vedono la tua struttura ogni volta che fanno una ricerca sulla destinazione (fig.294)

fig.294

Se la tua percentuale è inferiore a quella dei concorrenti significa che le altre strutture sono più visibili perché hanno un posizionamento (ranking) migliore in pagina pubblica; occorre dunque lavorare sul proprio posizionamento e sulla visibilità. Le azioni utili in questo senso sono tutte quelle che garantiscono migliorare il tuo ranking all’interno della pagina: se la tua struttura acquista posizioni rispetto alle altre avrà una maggiore possibilità di essere vista e cliccata. Per raggiungere questo scopo potresti attivare per esempio il Programma Preferiti (vedi Programma Preferiti) se hai le condizioni necessarie per poterlo attivare. Le strutture che diventano Preferite salgono automaticamente di posizione. Oppure potresti attivare il Programma Genius (vedi Programma Genius), che ti servirà ad ampliare la tua clientela perché il Programma ti renderà più visibile agli utenti Genius.

L’ultimo argomento è la Disponibilità, cioè la percentuale di camere disponibili alla vendita confrontate con le altre strutture. In questo esempio il colore verde è più acceso perché la percentuale è molto più alta rispetto agli altri (60,51% contro 30,75%) (fig.295).

fig.295

Se questa percentuale fosse inferiore rispetto alle strutture simili, ma hai ancora un certo numero di camere da vendere o in periodi specifici in cui hai bassa occupazione, aumenta il numero di camere disponibili sul canale (se sono inferiori a quelle reali). Tenere monitorata la propria disponibilità di camere e mantenerle aggiornate sul canale per un periodo continuativo di almeno un anno, aiuta anche in termini di visibilità.